Musica & Memoria  – Cover anni ’60-’70. Parte I

Musica & Memoria – Cover anni ’60-’70. Parte I


Lista 1

Indice (4118 covers)


Lista I: Adriano Celentano / Adriano Pappalardo / Alain Barrière / Alberto Testa / Alessandra Casaccia / Alligatori / Alpha Centauri / Alusa Fallax / Amiche / Angela Bi / Angeli / Anime / Anna Identici / Anna Marchetti / Anna Maria Berardinelli / Anna Maria Izzo / Annarita Spinaci / Anonima Sound / Antoine / Antonio e Corrado / Apostoli / Armando Savini / Astrali / Augusto Righetti / Balordi / Bad Boys / Barabba / Barrittas / Baronetti / Barry Ryan / Bat Bat / Beans / Becchini / Bertas / Betty Curtis / Big Ben’s / Bigs / Bisce / Bisonti / Bit-Nik / Blackbirds / Blacks / Bobby Solo / Bounty Killers / Box Tops / Bravos / Brian / Brincos / Brunetta / Bruno Billy / Bruno Filippini / Bruno Lauzi / Bruno Martino / Bruzi / Bushmen / Califfi / Calipop / Camaleonti / Campioni / Capricorn College / Carmen Villani

Lista II: Casuals / Caterina Caselli / Catherine Spaak / Cavernicoli / Chiodi / Chilla Black / Claudia Mori / Christophe / Chriss & The Stroke / I 5 dell’88 / Les 5 Gentlemen / Claude François / Claudia Mori / Claudio Lippi / Claus / Cliff Richard / Club 76 / Code / Colours / Computers / Condors / Corvi / Cosmici / Cousins / Crazy Boys / Cuccioli / Dalida / Danny Lorin / Da Polenta / Dave, Dee, Doozy, Beacky, Mick & Tich / David Alexandre Winter / David Bowie / David & Jonathan / Delfini / Diabolici / Dik Dik / Dino / Dion Di Mucci / Don Backy / Domodossola / Don Miko / Dori Ghezzi / Dusty Springfield / Elio Ciprì / Elio Gandolfi / Elisabetta / Elisabetta Ponti / Elsa e i Beats

Lista III: Equipe 84 / Enzo Jannacci / Eric Charden / Everly Brothers / Evy / Eydie Gormè / Fabrizio De Andrè / Fabulous Four / Facce di bronzo / Fantom’s / Faraoni / Farida / Favolosi / Fausto Billi / Fausto Leali e i Novelty / Fiammetta / Flora, Fauna e Cemento / Formula Tre / Four Kents / Four Tops / Franco dei New Dada / Françoise Hardy / 1910 Fruitgum Co / Fuggiaschi / Gatti Rossi / Gemelli / Gene Guglielmi / Gene Pitney / Ghigo Agosti e i Goghi / Gian Pieretti / Gianni Morandi / Gianni Pettenati / Gino Santercole / Giganti / Giorgio Albertazzi e Anna Proclemer / Gino Paoli / Giorgio Gaber / Giuliana Valci

Lista IV: Giuliano e i Notturni / Giusy Balatresi / Giusy Romeo / Gleemen / Grass Roots / Guidone / Henry Wright / Herb Alpert / Herbert Pagani / Herbie Goins & The Night Timers / Homo Sapiens / Honeybeats / Hugu Tugu / Ico Cerutti / Igor Mann e i Gormanni / Ingoes / Innominati / Iva Zanicchi / Jaguars / Janet Smith / Jean François Michael / Jenny Luna / Jimmy Fontana / Jimmy Radcliffe / Jimmy Ruffin / Jo Fedeli / John Foster / Johnny Kendall e gli Heralds / Jonathan & Michelle /Junior Magli / Juniors / Katty Line / Kidders / Kings / La Ragazza ’77 / Lara Saint Paul / Latins / Lello Tristano e il suo complesso / Leo Sardo / Leonardo / Lesley Gore / Little Boys / Little Tony / Longobardi / Luciano Vieri / Lucio Dalla Luigi Chiocca / Luigi Tenco / Luisa Casali / Macchie d’inchiostro / Macchie Rosse / Mal & The Primitives / Mario Guarnera / Mario Zelinotti / Marcellos Ferial / Mark e Marta & Splash / Mariarosa / Marie Laforêt / Marino’s / Mario Zelinotti / Marisa Sannia / Martò / Marzio / Mat 65 / Maurizio dei New Dada / Memphis / Memo Remigi / Meri Marabini / Meteors / Mia Martini / Michele / Michel Delpech / Michel Polnareff / Michel Tadini / Mike Liddel e gli Atomi

Lista V: Milena Cantù / Milva / Mimì Bertè / Mina / Minstrels / Miro Banis e i Transistors / Mita Medici / Mods / Monelli / Moody Blues / Motowns / Nada / Nana Moskouri / Nancy Sinatra / Neil Sedaka / Nelly Fioramonti / New Dada / New Rangers / Nico e i Gabbiani / Nico Fidenco / Nicola Arigliano / Nicola di Bari / Niemen / Night Byrds / Nina Simone / Nino Ferrer / Nini Rosso / Nomadi / Nuovi Angeli / Ombre di bronzo / Ombretta Colli / Onde blu / Orietta Berti / Orme / Ornella Vanoni / Paki & Paki / Paola Battista / Paola Musiani / Paolo Bracci / Patrick Samson / Patty Pravo / Paul Anka / Pecore Nere / Peggy March / Pelati / Pennies / Persiani / Peppino di Capri / Persiani / Peter & Gordon / Petula Clark / Piermaurizio / Piero Focaccia / Pilade / Pino Donaggio / Pino Masi / Pirañas / Planetari / (The) Planets / Pooh / Pops / Pop Tops / Procol Harum / Profeti / Punti Cardinali / 4 di Lucca / Quattro Satelliti

Lista VI: Quelli / Raffaella Carrà / Ragazzi dai capelli verdi / Ragazzi della via Gluck / Ragazzi del sole / Ragazzi di pietra / Raph e i Copertoni / Rascals / Ravers / Remo Germani / Renata Pacini / Renato e i Misfits / Red Roosters / Renegades / Ribelli / Riccardo Del Turco / Riccardo Fogli / Ricchi e poveri / Richard Anthony / Ricky Gianco / Ricky Shayne / Riki Maiocchi / Rita Pavone / Roberta Mazzoni / Roberto Carlos / Roberto Vecchioni / Roby Castiglione / Roby Matano / Rocky Roberts / Rogers / Rokes / Rokketti / Rolando Gambelli / Rolling Stones / Roll’s 33 / Rosy / Rossano / Royals / Sacha Distel / Sammy Barbot / Sandie Shaw / Santino Rocchetti / Satelliti / Sauterelles / Schola Cantorum / Scorpioni / Sergio Leonardi / Showmen / Smokey Robinson & I Miracles / Snobs / Soliti ignoti / Sonia e le Sorelle / Sopworth Camel / Sorrows / Squali 66 / Stevie Wonder / Stormy Six / Superbi / Supergruppo / Supremes / Surfs / Sylvie Vartan / Templari / Teoremi / Tipi / Tom Jones / Tony Dallara / Tony Del Monaco / Tony e Nelly / Tony Mark e i Markmen / Tony Renis / Trappers / Trolls / Uh! / Uragani / Vagabondi della verità /Valeria Fabrizi / Vanguards / Vasso Ovale / Verde Stagione / Wess /Wilma De Angelis / Wilma Goich / Wretched / Youngbloods / Zager & Evans

Versione italiana

Interprete

Versione originale

Interprete

Note

Personality (1960) Adriano Celentano Personality (1959) Lloyd Price Il brano di Price, il musicista R&B che aveva già portato al n.1 USA il brano Stagger Lee, e che aveva esordito con Lawdy Miss Cloudly (#1 R&B nel 1952) ha avuto nel 1960 ben tre cover in italiano, le altre due sono di Mina e Caterina Valente. Questa di Celentano aveva come lato B Il mondo gira ed era pubblicata su etichetta Jolly (J 20089). Adattamento italiano di Gioia e Pinchi.
Non essere timida (1961) Adriano Celentano Little Lonely One (1961) The Jarmels Incisa su vinile 45 giri mono, etichetta Jolly, catalogo J 20150, agosto 1961. Un esempio di una esecuzione italiana che supera quella originale (un doo-wop di un gruppo vocale all-black) in termini di successo. Sul lato A la sigla di Canzonissima di quell’anno, Nata per me.
Peppermint Twist (1962) Adriano Celentano Peppermint Twist (1961) Joey Dee & The Starliters Una interpretazione non troppo riuscita di Celentano, il twist più commerciale non si adattava molto al primo rocker italiano (se non in senso temporale, di fama). Notevole invece la audace copertina del 45 giri.
La mezza luna (1962) Adriano Celentano La Mezzaluna (1960) Los Españoles Testo italiano di Larici (Giacomo Mario Gili), è il retro del singolo 45 giri “Si è spento il sole”, etichetta Jolly, numero di catalogo J 20178, pubblicato nel 1962. La canzone originale è un cha cha cha di due autori tedeschi, Heino Gaze per la musica e Fred Ignor per il testo (in tedesco) inciso per la Polydor da un gruppo spagnolo che pubblicava i suoi dischi in Germania per la Polydor. Altre notizie nella pagina delle Note.
Stai lontana da me (1962)

Adriano Celentano

Tower Of Strength (1961)

Gene McDaniels

Un twist-R&B bianco USA dei primi anni ’60 (di Bacharach e Hilliard) è la base per questo classico, con cui Celentano vinse la prima edizione del Cantagiro nel 1962. Versione italiana di Mogol (piuttosto lontana dall’originale). L’originale è stato #5 in USA nel ’61 nella prima versione di McDaniels e #1 in UK lo stesso anno nella successiva versione di Frankie Vaughan.

Pregherò (1962)

Adriano Celentano

Stand By Me (1961)

Ben E. King

Si può leggere nella sezione dedicata alle cover particolari la storia completa della versione italiana “adulterata” di questo classico dell’ex front-man dei Drifters.

Hello Mary Lou (1963) Adriano Celentano Hello Mary Lou, (Goodbye Heart) Johnny Duncan (1960) 45 giri Jolly J 20228. L’originale era un brano country & western composto da Gene Pitney con testo di Cayet Mangiaracina, per Johnny Duncan che ha pubblicato il brano nel 1960. Di maggiore successo la successiva versione di Ricky Nelson del 1961, tra le prime 10 nel Billboard Music Chart USA. Testo italiano di Carlo Testoni, fedele all’originale, proietta Celentano nel ruolo di romantico cowboy in una insolita dimensione western. Sul lato A una canzone convenzionale vagamente estiva Una notte vicina al mare.
Ringo (1964) Adriano Celentano Ringo (1964) Lorne Green Continua la fase western di Celentano con questa cover di un brano più recitato che cantato, dato che Lorne Green non era un cantante ma un attore (il principale personaggio dei telefilm “Bonanza”). Quella delle spoken-word ballads era una moda del tempo, che vide coinvolti altri famosi attori, come Lee Marvin in “Wandering Star”. Il periodo eroico degli spaghetti-western doveva ancora iniziare e il protagonista, il pistolero Ringo echeggia il personaggio di John Wayne nel più celebre dei western classici, Stagecoach (Ombre rosse) di John Ford, del 1939. Era il llato B del 45 giri “La festa”.
Non mi dir (1964) Adriano Celentano Symphonie (1945) Marlene Dietrich Una scelta decisamente lontana dal rock delle origini. Per fortuna sarebbe stata solo una pausa passeggera. L’originale era una canzone romantica molto popolare sia in Europa sia in America alla fine della II Guerra Mondiale, nella interpretazione, in francese (prima versione) di Jacques Pills e poi di Marlene Dietrich, impegnata in Europa in supporto alle truppe alleate, e poi in USA nella interpretazione di Johnny Desmond con la orchestra di Glenn Miller e poi di molti altri interpreti ed orchestre. Da notare che i testi nelle tre lingue (francese, inglese, italiano) sono tutti differenti e non correlati tra loro. Segui i link per i testi e le altre versioni originali.
Pubblicata su singolo (Clan ACC 24025) e anche sul primo LP di Celentano per la sua etichetta Clan, a cui dava il nome (Clan ACC-S/LP 40002).
Il problema più importante (1964)

Adriano Celentano

If You Gotta Make a Fool of Somebody (1963)

Freddie and the Dreamers

Anche questo grande successo di Celentano era una cover. Freddie (Garrity) & The Dreamers erano un gruppo di Manchester, che seguiva ancora lo stile di Cliff Richards e degli Shadows piuttosto che la nuova “British invasion” (Beatles e soci). Il brano scelto da Celentano era il loro primo grande successo in UK. Versione italiana di Beretta e Del Prete (totalmente diversa dall’originale). Originale pubblicato negli anni ’60 anche da Timi Yuro e da Buddy Britten & The Regents. Anche quella di Freddie era però una cover, il brano di origine era del cantante nero di R&B James Ray, ed era stato pubblicato nel 1961.

Sono un fallito (1964) Adriano Celentano Busted (1962) Johnny Cash La cover di Busted, un successo prima di Johnny Cash e poi di Ray Charles (1963), è nota in Italia per la versione del 1964 di Gino Santercole (vedi). Ne ha interpretate e pubblicate almeno due versioni anche il leader del Clan nello stesso anno, in Germania (Vogue Schllplatten-Durium – DV 14153) e in Grecia (Durium Ld AG 2593). Entrambe in italiano. Per il testo italiano (molto annacquato) a confronto dell’originale, tradotto, seguire i link a lato.
Chi ce l’ha con me (1965) Adriano Celentano We Say Yeah (1962) Cliff Richard Lato B di Ciao! ragazzi, un brano abbastanza noto perché pesato anche come promozione per una nuova iniziativa di Celentano, una sotto-etichetta del Clan diretta al target giovanissimi e al genere beat e dintorni, che si chiamava appunto Ciao! Ragazzi, e con la quale sono stati pubblicati 18 dischi, fino al 1967 (tra i quali anche una ristampa di questo brano in EP). Anche se non erano citati i nomi degli autori originali sulla etichetta (e sul brano depositato in SIAE) si trattava in realtà di un’altra cover “non ufficiale” che riprendeva completamente un brano di Cliff Richard i cui autori erano due degli Shadows, allora suo complesso spalla. Altre notizie nella pagina delle Note.
Il contadino (1966)

Adriano Celentano

Hold On, I’m Coming (1966)

Sam & Dave

Versione italiana totalmente (e volutamente) scorrelata dal celebre classico R&B originale (e dalle sue allusioni sessuali), dovuta a Beretta e Del Prete. Proposta anche dai Ragazzi della via Gluck, un altro complesso del Clan.

Il mio amico James Bond (1966) Adriano Celentano Thunderball (1965) Tom Jones Insolito omaggio al mito di James Bond negli anni del trionfo di 007: “Io ho un amico che non sa non sa la paura cos’è /ma sa che da solo vincerà /perché lui è James Bond …”
Altra versione anche da Tony Dallara (Operazione tuono).
Torno sui miei passi (1967) Adriano Celentano Mambo Rock (1955) Bill Haley and his Comets Era il lato B della canzone anti-divorzista di Celentano e signora (La coppia più bella del mondo, Clan Celentano ‎– ACC 24051) ma comunque grande successo nel 1967. Già ad un ascolto superficiale, sin dalla introduzione si nota la forte somiglianza con Rock padre del beat dei Ragazzi della via Gluck (stesso Clan) che era una cover della ben nota Mambo Rock dei pionieri del rock ‘n Roll Bill Haley con i suoi Comets (r&r con ritmo mambo). Solo che in questo caso gli autori originali non sono citati in etichetta né comunicati alla SIAE. Vedi per altre informazioni le Note alla Lista 1.
Miseria nera (1968)

Adriano Celentano

Sixteen Tons (1957)

Platters

Non è una cover, come invece era indicato in precedenza, ma una canzone originale ispirata al celebre blues / work song (canto di lavoro) reso celebre dai Platters, affidato come voce solista al baritono del celebre quintetto vocale, David Lynch. Celentano interpreterà una cover effettiva di questa canzone anni dopo (nel 1984) con un testo completamente diverso, metaforico, dal titolo “L’ascensore”. “Miseria nera” era pubblicata sull’album “Adriano Rock” del 1968 ed era scritta da Beretta, Del Prete e Gino Santercole. La versione dei Platters era a sua volta una cover di un brano country del 1946, di Merle Travis.

Non ci fate caso (1968)

Adriano Celentano

Razzle Dazzle (1955)

Bill Haley and his Comets

Dall’album LP 33 giri “Adriano Rock”, lato A/2, etichetta: Clan Celentano, numero di catalogo: BF 501. Il testo italiano, come sempre non correlato dall’originale, che in questo caso però non era memorabile, in pratica ripeteva soltanto con variazioni minime “balliamo il razzle-dazzle”, è di Luciano Beretta e Miki Del Prete. La canzone originale era stata composta da Charles Calhoun, pseudonimo di Jesse Stone, registrata come singolo su 45 giri, etichetta: Decca, numero di catalogo: 9-29552, pubblicato in USA nel 1955.

Napoleone, il cowboy e lo zar (1968)

Adriano Celentano

Thirteen Women (and One Man) (1954)

Dickie Thompson and his Orchestra

E’ il lato B/1 dell’ LP precedente, testo italiano di Luciano Beretta e Miki Del Prete, ovviamente molto diverso dall’originale con cui condivide solo lo spunto iniziale del sogno e forse l’accenno ai problemi del mondo diviso in due blocchi. L’originale è famoso soprattutto per essere stato pubblicato come lato B di un brano storico per la storia della musica. Thirteen Women è stata composta dal cantautore e chitarrista jazz e R&B statunitense Dickie Thompson (James Edward Thompson) e pubblicata come singolo 45 giri su etichetta Herald, numero di catalogo: H 424. Ripresa nello stesso anno da Bill Haley and His Comets, con lieve modifica del titolo “Thirteen Women (and only one man in town)” e pubblicata come B side del singolo 45 giri “(We’re Gonna) Rock Around the Clock”, etichetta Decca-9-29124, pubblicato in USA a maggio del 1954, il notissimo brano che ha dato il via al fenomeno rock ‘n roll.

L’ora del boogie (1968)

Adriano Celentano

Birth of the Boogie (1955)

Bill Haley and his Comets

Lato B/3 del precedente LP, testo italiano di Luciano Beretta e Miki Del Prete, originale composta da: Bill Haley, Billy Williamson e Johnny Grande, tutti componenti la rock ‘n roll band statunitense “Bill Haley and his Comets”, i quali registrarono il loro pezzo come singolo su 45 giri, etichetta Decca, numero di catalogo 9-294 18, USA 1955. Come ricorda Celentano nella versione italiana, la “bomba” del rock ‘n roll era scoppiata solo dodici anni prima.

Il filo di Arianna (1968) Adriano Celentano Jeannie Jeannie Jeannie (1958) Eddie Cochran Sempre in scaletta nell’LP Adriano Rock, un’altra cover non dichiarata (Celentano e il Clan pare avessero una certa predisposizione verso questa pratica), attribuita come musica a Gino Santercole, ma in realtà chiaramente derivata da questo brano rockabilly di Eddie Cochran di 10 anni prima. Tutte le altre informazioni sull’originale nella pagina delle Note.
Tutto da mia madre (1968) Adriano Celentano Burn That Candle (1955) Bill Haley And His Comets La canzone fa parte, insieme ad altre covers note e meno note, del quarto LP 33 giri di Celentano “Adriano Rock”, etichetta Clan – BF 501. Il testo italiano quasi autobiografico (per Celentano) è dei fidi Luciano Beretta e Miki Del Prete e prende in qualche modo spunto dall’originale. L’autore dell’originale è lo statunitense Winfield Scott, noto per aver confezionato le hit Tweedle Dee, per la cantante statunitense LaVern Baker e soprattutto Return to Sender per Elvis Presley, oltre a tante altre. La canzone originale è il lato B del singolo Rock-a-beatin’ boogie, registrato da Bill Haley col suo immancabile gruppo d’accompagnamento (The Comets) su etichetta Decca – 9-29713.
EA (1970) Adriano Celentano Heya (1969) J.J.Light Una canzone nascosta nel lato B del 45 giri “Chi Non Lavora Non Fa L’Amore / EA ” (CLAN BF 69041). Con il testo di Luciano Beretta e Miki Del Prete, è la cover di “Heya”, composta da Bob (Robert) Markley e Jim Stallings (James Michael Stallings), il quale con lo pseudonimo di “J.J. Light” pubblicò questo brano come singolo 45 giri alla Pink Elephant (22.032 Y). Si tratta di un brano piuttosto noto anche da noi all’epoca, che rievoca i riti e la cultura dei nativi americani. Intenzione qui ignorata da Celentano e dai suoi incauti parolieri del Clan, che trasformano il tutto in una canzone d’amore e omaggio alla propria donna. Forse era una promessa fatta a Claudia Mori. Pubblicata anche incredibilmente in tedesco dallo stesso Celentano col titolo originale Heya (singolo Ariola) con testo di Michael Holm, sul retro Er kommt nie wieder (dovrebbe essere un originale), su musica di Moroder e parole dello stesso Holm, con arrangiamento di Roberto Negri; il singolo era stato prodotto da Giorgio Moroder. Stesso anno 1970.
Viola (1970) Adriano Celentano I Make Believe (1956) Clyde McPhatter & The Drifters Una canzone di successo, un brano bucolico di Celentano per il nuovo decennio dopo i modernisti anni ’60, firmato ufficialmente da Luciano Beretta, Nando De Luca, Miki Del Prete, etichetta Clan, catalogo BF 69051, orchestra diretta da Roberto Negri. E’ però una fotocopia, musica e arrangiamento, di un vecchio brano dei Drifters del 1956. A differenza del precedente con “Pregherò” nessuna conseguenza legale in questo caso. La canzone presa a modello era stata però scelta con una certa cura, non era molto nota, era il retro di un singolo del dei Drifters nel primo periodo McPhatter, il lato A era Without Love (There Is Nothing).
Fumo negli occhi (1984) Adriano Celentano Smoke Gets in Your Eyes (1958) Platters Celentano ha proposto nel corso degli anni altre cover dai Platters. Questa (non proprio imprescindibile, a nostro modesto avviso) è di un album del 1984 (la inseriamo quindi solo per completezza) dal titolo “I miei americani”. E’ stata pubblicata anche su 45 giri per juke-box. L’originale, di Jerome Kern e Otto Harbach, era un brano del musical Roberta del 1933, interpretato poi da molti altri ma portato al successo mondiale da parte dei Platters nel 1958.
Non si tratta però della prima cover in italiano, con lo stesso titolo e lo stesso testo(di Mogol) era stata proposta da Giuni Russo, con il nome di Giusy Romeo, nel 1969.
Vivrò per lei (1984)

Adriano Celentano My prayer (1956) Platters Altra cover dai Platters contenuta nell’album “I miei americani 2”, del 1984, che contiene anche “L’ascensore” (Sixteen Tons con testo diverso).
Ai miei figli che dirò (1975) Adriano Pappalardo Knockin’ On Heaven’s Door (1973) Bob Dylan Dopo l’esordio con la “Numero Uno” di Battisti e Mogol, per la quale registrò i primi due album oltre a diversi 45 giri, Adriano Pappalardo passa alla prestigiosa RCA, incidendo un mini LP 33 giri promo a sette tracce dal titolo “Mi basta così” (TPL 1 1159), nel quale è inserita una cover del notissimo brano scritto da Bob Dylan per il film di Sam Peckinpah “Pat Garrett & Billy the Kid”. Non si riesce a capire come sia venuto in mente a qualcuno di inserire un testo completamente stravolto (di Paolo Amerigo Cassella.) su un brano già così noto.
Dolcemente (1975) Adriano Pappalardo Love Me Tender (1956) Elvis Presley Lato A/4 del precedente LP “Mi basta così”, testo italiano di Mario Panzeri, brano già precedentemente registrato alla Ricordi da Wilma Goich nel 1967 e alla RiFi da Iva Zanicchi lo stesso anno, con lo stesso testo. Il celebre originale era basato su una melodia tradizionale e la sua storia si può leggere nella pagina delle Note alla Lista 1.
Il suono del silenzio (1975) Adriano Pappalardo The Sound Of Silence (1967) Simon & Garfunkel Lato B/3 del precedente LP 33 giri “Mi basta così”, testo italiano di Bruno Lauzi che, almeno dal titolo, sembra tenere conto del notissimo originale, autentico capolavoro della musica mondiale, conosciuto da tutti anche perché inserito nella colonna sonora di uno dei film più significativi degli anni ’60, Il laureato (The Graduate). Un confronto impossibile per il pur simpatico forzuto della canzone italiana, rimasto poi nella memoria di tutti per il suo grande successo, l’inno dello stalker italiano (Ricominciamo).
Era troppo carina (1964) Alain Barrière Elle etait si jolie (1963) Alain Barrière Alain Barriere, cantante di buon successo in Francia per tutti gli anni ’60, ha iniziato la carriera abbastanza tardi dopo essersi laureato in ingegneria, rappresentando a 28 anni la Francia all’Eurofestival del 1963, arrivando quinto, con questa canzone. Ipotizzando che avesse un buon potenziale anche da noi la RCA ha affidato a Gino Paoli l’adattamento italiano di molte sue canzoni ad iniziare dal suo relativo successo europeo. Singolo RCA Victor N 1398
… e più ti amo (1964) Alain Barrière Plus je t’entends (1963) Alain Barrière Suk lato B del primo singolo italiano del cantautore francese una autocover con testo italiano di Gino Paoli, pubblicata in Italia dalla RCA Victor, con numero di catalogo N 1398.
Vivrò (1965) Alain Barrière Ma vie (1964) Alain Barrière Altra auto-cover con testo di Sergio Bardotti e Gino Paoli del primo grande successo del cantantautore francese (RCA Victor N1408).
Maria la bionda (1965) Alain Barrière La Marie joconde (1963) Alain Barrière Sul lato B un’altra auto-cover di un brano precedente. Testo italiano di Bardotti. Pubblicato anche su LP Alain Barriere RCA Victor ‎– ALPM 10177.
A presto amore (1966) Alain Barrière Adieu la belle (1964) Alain Barrière Autocover – Versione italiana su LP “Alain Barrière” (RCA Victor ALPM 10177) // Originale su EP RCA Victor 86053. Testo italiano di Rossi.
Due uomini veri (1966) Alain Barrière Lamento (1966) Alain Barrière Autocover – Versione italiana su 45 giri Barclay 45 BN 7000 // Originale su 45 giri Barclay 71024. Testo italiano di Bardotti.
Tu (1966) Alain Barrière Toi (1966) Alain Barrière Autocover – Versione italiana su 45 giri Barclay 45 BN 7000 // Originale su 45 giri Barclay 71024. Testo italiano di Dossena.
Un uomo più (1966) Alain Barrière Mais je vous dis (1965) Alain Barrière Autocover – Versione italiana su LP “Alain Barrière” (RCA Victor ALPM 10177) // Originale su 45 giri RCA Victor Canada 57-5643. Testo italiano di Migliacci.
Cosa mi passa per la testa (1968) Alain Barrière Que se passe-t-il dans ma tete (1967) Alain Barrière Autocover – Versione italiana su 45 giri Barclay BN 7027 // Originale su EP Barclay 71214. Testo italiano di Bardotti.
Dov’eri tu (1968) Alain Barrière Emporte-moi (1968) Alain Barrière Autocover – Versione italiana su 45 giri Barclay BN 7027 // Originale su EP Barclay 71246. Testo italiano di Bardotti.
Ai primi giorni d’aprile (1969) Alain Barrière C’était aux premiers jours d’avril (1969) Alain Barrière autocover -Versione italiana su 45 giri Barclay BN 7035 // Originale su 45 giri Barclay Canada B 60060. Testo italiano di Calabrese.
Maria (1969) Alain Barrière Si je reve de toi (1968) Alain Barrière autocover -Versione italiana su 45 giri Barclay BN 7035 // Originale su 45 giri Barclay Canada B 60009. Testo italiano di Pantagruele e Dossena.
Angela (1970) Alain Barrière Angela (1969) Alain Barrière Autocover – Versione italiana su45 giri Barclay BRC/NP 40004 // Originale su 45 giri Barclay 61164. Testo e adattamento italiano di Paoli e Giacotto.
Meglio soli… (1970) Alain Barrière Et ma route est solitaire (1969) Alain Barrière Autocover – Versione italiana su 45 giri Barclay BRC/NP 40004 // Originale su EP Barclay 71415, Testo e adattamento italiano di Giacotto.
Mare (1971) Alain Barrière A regarder la mer (1971) Alain Barrière Autocover – Versione italiana su 45 giri Barclay NP 40026 // Originale su 45 giri Barclay 61327. Testo italiano di Bardotti.
Una banale bella storia (1971) Alain Barrière Sur notre histoire (1971) Alain Barrière Autocover – Versione italiana su45 giri Barclay NP 40026 // Originale su 45 giri Barclay 61327. Testo italiano di Bardotti.
Nel cuore (1971) Alain Barrière Mon coeur (1970) Alain Barrière Autocover – Versione italiana su 45 giri Barclay NP 40033 // Originale su 45 giri Barclay 61421 L. Testo italiano di Bardotti.
Solo un uomo (1971) Alain Barrière Rien qu’un homme (1970) Alain Barrière Autocover – Versione italiana su 45 giri Barclay NP 40033 // Originale su 45 giri Barclay 61373. Testo italiano di Bardotti.
Chiaro di Luna a Paullo (1962) Alberto Testa Un clair de lune à Maubège (1962) Pierre Perrin Il paroliere Alberto Testa, autore negli anni successivi di innumerevoli canzoni, aveva iniziato la carriera nella musica come interprete. Sua ovviamente la versione italiana di questo ironico tango sul romanticismo che si può trovare nei luoghi più anonimi, come il paesino lombardo del titolo. Anche l’originale era una cittadina del tutto anonima. E nessuna delle due ha conquistato un minimo interesse nei decenni successivi. Originale su 45 giri Ricordi 500076/EP 45 S 206 – cover su 45 giri Ricordi SRL 10262.
Mi sentivo una regina (1969) Alessandra Casaccia Canterbury Road (1968) Lou Christie Originale su 45 giri Buddah BDA 76. Piuttosto dimessa la versione italiana della pur valida, in altre occasioni, Alessandra Casaccia. L’originale era in realtà di un altro gruppo (Vedi le Note alla Lista 1).
Michael e le sue pantofole (1969) Alessandra Casaccia Michael and the Slipper Tree (1969) Equals Chissà cosa intendono in America per “albero della pantofola”. Comunque era un brano in stile bubble-gum music, in alcune parti veramente simile a Simon Says. Originale su 45 giri President Records PT 240.
Tu con me (1963) Alligatori Duke Of Earl (1962) Gene Chandler Primo singolo per gli Alligatori di Verona (Tu con me / 55 giorni a Pechino). Disco CBS 121043. L’originale era un doo-wop di Gene Chandler di grande successo (#1 USA). Disco Vee-Jay 416. Era stato anche pubblicato dal gruppo The Dukays, nel quale Chandler era la voce solista, l’anno prima (Disco Nat 4003).
55 giorni a Pechino (1963) Alligatori 55 Days At Peking (1963) The Brothers Four Lato B del singolo 45 giri “Tu con me” CBS – 121043, pubblicato nel 1963, testo italiano di Moretti. La musica della canzone del lato A è stata composta da Dimitri Tiomkin e proviene dalla colonna sonora del film drammatico omonimo statunitense del 1963, diretto dal regista Nicholas Ray, coadiuvato da Andrew Marton e Guy Green, che vede come protagonisti gli attori Charlton Heston, Ava Gardner, David Niven e con la partecipazione dello stesso regista Nicholas Ray in una parte minore. Disco originale dei The Brothers Four: singolo 45 giri “55 Days At Peking” CBS – BA 121.037, pubblicato nel 1963, testo inglese di Paul Francis Webster.
Chi sbaglia paga da sé (1965) Alligatori Till Then (1957) Mill Brothers Sull’altro lato “Su, Paolo”. Disco Durium CN A 9167. L’originale è stato inciso da molti gruppi vocali dal ’44 in poi.
Dedicata a te (1967) Alligatori Dedicated To The One I Love (1957) The “5” Royals Sull’altro lato Settembre ti dirà. Disco CBS 3046. prima registrazione di questo classico della musica americana dei The “5” Royals, molto nota la successiva versione del 1967 dei Mamas & Papas.
Dai treno dai (1969)

Alpha Centauri

The Train (1969)

1910 Fruitgum Co.

Il primo ed unico disco degli Alpha Centauri è stato prodotto nel 1970 dalla etichetta Numero Uno di Mogol e Battisti, ed era basato su un brano del gruppo iniziatore della “bubble gum music” (più noti per “Simon Says”, ovvero “Il ballo di Simone”). Sul retro un’altra cover.

Immagine bianca (1969)

Alpha Centauri

Throw Down A Line (1969)

Cliff & Hank

Retro del singolo precedente. Pubblicato da Cliff Richard in duo con Hank Williams.

Tutto Passa (1969) Alusa Fallax All My Sorrows (trad.) Kingston Trio (1959) Il pezzo inciso su etichetta West Side fu venduto in copertina con busta a manici (una originalità!). Gli Alusa Fallax, originari di Milano, erano nati dagli Adelfi. Il gruppo fu attivo per parecchio tempo e pubblicò anche un LP nel 1974, di genere progressive per la Fonit. Proponevano un rock progressivo basato soprattutto sulle tastiere con molte evidenze classicheggianti tipo il miglior Banco del Mutuo Soccorso. Il gruppo realizzerà anche un pezzo commerciale nel 1977 col nome Blizzard.
Questa volta erano impegnati invece in un brano molto soft noto per la versione dei Searchers, cover a sua volta dal Kingston Trio che avevano adattato il gospel tradizionale All My Trials (vedi la pagina con il testo per altre informazioni su questo brano e sugli Alusa Fallax).
Se mi vuoi un po’ di bene (1965) Le Amiche Chapel Of Love (1964) Dixie Cups Quartetto vocale femminile di Roma tra beat e doo-wop, impegnato qui in una garbata esecuzione (fedele nel testo) del primo o più grande successo (disco d’oro, oltre un milione di copie) del girl group nero USA di New Orleans The Dixie Cups. Disco Jolly J 20268.
Quello che la gente dirà (1965) Le Amiche People Say (1964) Dixie Cups Nel successivo singolo sempre per la Jolly una versione (fedele nel testo) del successivo singolo, anche questo un buon successo, delle Dixie Cups. Disco Jolly J 20278. Sul lato A un brano presumibilmente più tradizionale (Per una rosa).
Se avessi visto quando mi guardava (1965) Le Amiche You Should Have Seen the way he Looked at me (1964) Dixie Cups Un’altra cover dalle Dixie Cups contenuta nell’LP pubblicato da Le Amiche nel 1965 (Jolly LPJ5053).
Terry (1965) Le Amiche Terry (1964) Twinkle Una cover anche nell’ultimo singolo del gruppo beat al femminile di Roma delle sorella Masone con Annamaria Romanet e Giusy Francia. Disco Jolly J20342. Sul retro sai illudermi. L’originale era un successo della cantante teenager inglese Twinkle.
Io voglio te (1967) Angela Bi A Man Is a Man Ys a Man (1966) Ike & Tina Turner 45 giri Ricordi SRL 10463 per Angela Cracchiolo, in arte Angela Bi poi Angela Bini e poi ancora Julie (nel duo Juli & Julie) con Giulio Todrani, padre di Giorgia Todrani, la poi celebre cantante Giorgia, prima del suo gruppo R&B Io vorrei la pelle nera.
Tu non sai (1968) Angela Bi To Love Somebody (1967) Bee Gees 45 giri Ricordi SRL 10476. Testo diverso dalla più celebre cover dei Califfi (Così ti amo).
Perché non vuoi (1972) Angela Bini Floy Joy (1966) Smokey Robinson Lato B 45 giri TRY Records TQ 3004. Quella di Smokey Robinson, autore del brano soul. è la prima versione pubblicata. Ma prima di quella Angela Bini c’è stata anche una versione delle Supremes (1971).
Penso sempre agli occhi tuoi (1966) Le Anime Look Through Any Windows (1965) The Hollies Si tratta del lato B del primo singolo 45 giri, registrato dal complesso beat milanese, per l’ etichetta “R.T. Club” di Mario Trevisan, numero di catalogo RT 1520. L’originale è stata scritta e composta da Charles Silverman e Graham Gouldman (Graham Keith Gouldman), quest’ultimo, anche bassista del gruppo inglese The Mindbenders che confezionarono questa hit per un altro gruppo inglese, The Hollies, che raggiunsero il # 4 nella UK Singles Chart e al # 32 nella Billboard Hot 100 USA nel 1965.
Mi si spezza il cuor (1966) Le Anime Take A Heart (1965) Sorrows Testo di Carlo Rossi, è La cover di “Take A Heart” scritta da Miki Dallon, e cantata per la prima volta dal gruppo inglese “The Boys Blue”nei primi del 1965, registrata come singolo 45 giri alla HMV (His Master’s Voice), cat: POP 1427 e immediatamente dopo, a luglio dello stesso anno, dal gruppo inglese che portò il brano al successo e che ebbe fortuna negli anni ’60 in Italia, “The Sorrows”, registrata come singolo 45 giri, etichetta, Piccadilly (UK), cat: 7N.35260, del 1965. Loro è anche la versione italiana: “Mi Si Spezza Il Cuor” e del 1966, così come questa versione alternativa de “Le Anime” , (tichetta RT Club, cat: RT 1528).
Spiegami come mai (1966) Le Anime Funny How Love Can Be (1965) Ivy League (1965) Brano registrato nello stesso anno anche dall’ Equipe 84, con lo stesso titolo, ma con arrangiamento diverso da quello de Le Anime, che è più rassomigliante all’originale. Vale lo stesso anche per la versione di Fausto Leali, anche se con testo e titolo diverso “Se qualcuno cercasse di te” e anche in questo caso, la scrittura del testo è accreditata a Leo Chiosso, così come risulta alla SIAE. E’ il lato B del secondo singolo 45 giri “Mi si spezza il cuor”, etichetta R.T. Club, numero di catalogo RT 1528. L’originale è opera del duo autoriale britannico vincente, con molti successi all’attivo, John Carter e Ken Lewis, i quali la sottoposero alla prima registrazione, anno 1964, al gruppo beat inglese di Birmingham The Rokin’ Berries. Lo stesso brano, venne inciso agli inizi del 1965 dal trio vocale d’appartenenza, dei due autori Carter e Lewis The Ivy League, facendolo diventare un successo da #8 della UK Singles Chart. Disco singolo 45 giri, etichetta Piccadilly, numero di catalogo 7 n 35222, pubblicato in gennaio 1965.
Anche se mi vuoi (1967) Le Anime Tossing And Turning (1965) Ivy League Registrata l’anno precedente da Carmen Villani per la Bluebell Records. Testo di Francesco Specchia, registrata su singolo 45 giri “L’Amore Tornerà”, etichetta RT Club, cat RT 1539, pubblicato nel 1967. E’ la cover di “Tossing And Turning”, portata al successo dal trio vocale inglese The Ivy League, # 3 della UK Singles Chart, autori John Carter, Ken Lewis e Perry Ford, stessi componenti il gruppo. La canzone venne registrata come singolo su 45 giri con etichetta Piccadilly, cat 7N 35251 e pubblicato a giugno 1965.
La ballata di Bonnie and Clyde (1968) Le Anime The Ballad Of Bonnie and Clyde (1967) George Fame Si contano almeno tre versioni italiane della canzone del film Gangster Story di Arthur Penn con Warren Beatty e Faye Dunaway, grandissimo successo internazionale nel 1967. Le più note sono quelle di Gianni Pettenati e di Rinaldo e Basta, ma anche il gruppo milanese Le Anime ha provato a proporne una.
Lo stile adatto a me (1965) Anna Identici I Wish, I Knew, What Dress To Wear (1964) Ginny Arnell Primo 45 giri della esordiente Anna Identici, registrato per la Ariston – AR/019, testo italiano di Clelia Petracchi, nota per aver scritto nel 1961 La ballata del Miché di De Andrè. Un altro esempio di cover di un brano americano passato completamente inosservato, anche perché relegato a un lato B di un 45 giri (He’s My Little Devil) collocato al #130 delle classifiche USA nei primi mesi del 1964. Anche la versione italiana non ebbe la fortuna sperata ma Anna Identici si riscattò col grande successo ottenuto lo stesso anno 1965 alla IX edizione del Festival di Zurigo, prima classificata con Un bene grande cosi. La canzone originale era scritta e composta dalla statunitense Gloria Shayne Baker e da suo marito, franco-statunitense Noël Regney, per la cantante pop e country statunitense Virginia Mazarro, nota col nome d’arte Ginny Arnell. Disco originale MGM Records – K 13226.
Solo, solo te (1965) Anna Identici Lonely, Lonely, Lonely Me (1963) Brenda Lee Retro del precedente singolo testo italiano sempre della Petracchi. L’originale era stata scritta e composta da Dorothy Jean Beasley che firmò con lo pseudonimo J. Norris, in collaborazione col marito, anche produttore, William Beasley che firmò come Kirk Richards. La canzone era stata registrata da Brenda Lee come lato B del singolo 45 giri “As Usual”, Decca – 31570, il cui lato A era una hit da #12 della US Billboard in dicembre del 1963 e #5 della UK singles chart in gennaio 1964. Altro lato B di scarsa notorietà chissà come e perché ripescato dalla Ariston di Carlo Alberto Rossi per una esordiente Anna Identici ma che non ha compromesso la sua via per il successo.
Che timido tu sei (1965) Anna Identici Stand A Little Closer (1963) Laurie Sisters Retro del singolo 45 giri Sette uomini d’oro, Ariston Records – AR/098, testo italiano di Mogol e Alessandro Colombini. La canzone originale nasce dalle penne dei due autori e compositori statunitensi Jack Wolf e Maurice “Bugs” Bower per il trio vocale femminile statunitense The Laurie Sisters, nome preso in prestito dal fiore dell’alloro di montagna (mountain laurel), tipica pianta autoctona della loro terra, la Pennsylvania. Le tre sorelle effettivamente si chiamano Greta, Cathy e Caroline (Schiavone), cognome indubbiamente ereditato da qualche antenato italiano. Disco originale: singolo 45 giri Port Records – 70033.
Non mi cambierai (1968) Anna Identici I Feel Love Comin’ On (1967) Felice Taylor Un’insolita Anna Identici alle prese con un brano soul, adattato in italiano da Massimo Salerno, fratello del più noto paroliere Alberto, entrambi figli di Nicola (Nisa) Salerno, registrato nel retro del singolo 45 giri Non calpestare i fiori, Ariston – AR/0254. L’originale era stata scritta dal paroliere statunitense Paul Leo Politi insieme al grande soul-man statunitense, il compositore e cantante Barry White, per la cantante soul afro-americana Felice Taylor, nata Florian Taylor. Per la cantante americana si è trattato del terzo singolo, pubblicato nel Regno Unito e stranamente assente nel mercato USA (singolo 45 giri, President Records – PT 155).
La costruzione (1970) Anna Identici Construçao (1970) Chico Buarque De Hollanda Risale al 1970 la cover del celebre e bellissimo brano di Chico Buarque da parte di una Anna Identici tesa a passare ad un repertorio più impegnato. Testo italiano, abbastanza fedele, di Sergio Bardotti. La canzone è stata pubblicata su un album collettivo della Identici ed altri degli anni ’70 dal titolo “Canzone amore mio (Il lavoro)”, da tempo fuori catalogo.
Il funerale del lavoratore (1971) Anna Identici Funeral de um lavrador (1968) Chico Buarque De Hollanda Altra cover da Chico Buarque. Incisa anche da Maria Carta e dal duo spagnolo Barbara & Dick (1967) che l’avevano anche proposta in spagnolo in precedenza, con un arrangiamento “folk-internazionale” più ritmato e accattivante dell’originale brasiliano. La versione della Identici, pubblicata sull’album “Il meglio”, del 1971, fa riferimento a questa di Barbara & Dick piuttosto che all’originale di Chico Buarque.
Ehi Niccolò (1968) Anna Maria Berardinelli L. David Sloane (1968) Michele Lee Una delle cantanti della etichetta RCA Talent, creata dalla casa discografica RCA tra il 1968 e il 1970 per sperimentare le potenzialità di nuovi potenziali talenti. E’ stato il caso di Nada e del cantante Ugolino, ma non di Anna Maria Berardinelli della quale, nonostante queste due canzoni gradevoli e abbastanza ben interpretate, si sono perse le tracce. La interprete del singolo originale, in stile anni ’30 sulla scia del successo mondiale di Bonnie & Clyde, si chiamava proprio Michele. Era uno dei due singoli pubblicati dalla cantante con la RCA-TALENT (collana per tentativi di lancio di nuovi talent) n.cat. TL7.
Quando guardo i tuoi occhi (1968) Anna Maria Berardinelli Daydream (1966) Lovin’ Spoonful Lato B del singolo precedente. Una buona scelta dal primo successo del gruppo di John Sebastian, #2 in USA nel 1966.
Non lo sai (1968) Anna Maria Berardinelli Red Red Wine(1967) Neil Diamond Una cover anche nel secondo (e ultimo) singolo della Berardinelli per la Talent. Una versione molto caricata, con cori e voce spiegata, per il classico di Neil Diamond per il secondo e, crediamo, ultimo tentativo sempre con la RCA-Talent (TL15).
Vivi con il mondo (1968) Anna Maria Berardinelli Everybody Knows (1967) Dave Clark Five Lato B del precedente singoloi. L’originale è il brano dei Dave Clark Five del quale risulta una cover anche dai Fuggiaschi di un anno prima.
Piano (1964) Anna Maria Izzo Where Did Our Love Go? (1964) The Supremes Primo singolo per la ARC per Anna Maria Izzo, già corista con Rita Pavone e prima di entrare ne La Cricca con Enrico Ciacci. Versione italiana di Sergio Bardotti. Non male la interpretazione della Izzo che, seppur in chiave low, riesce in qualche modo a tener testa alle tre Supremes.
Non svegliarti mai (1967) Anna Maria Izzo City Women (1966) P.F. Sloan Terzo singolo per la Izzo dopo la fine dell’esperienza con La Cricca (dove era stata sostituita da Mary Di Pietro). Nuova casa discografica la CBS. L’originale era di P.F. Sloan ed era stato pubblicato direttamente dal cantautore e produttore in un suo singolo del 1966 con la RCA Victor. Più nota una successiva versione (ma posteriore a quella della Izzo) da parte dei Grassroots.
E’ capitato proprio a me (1967) Anna Maria Izzo Ain’t Gonna Cry No More (1966) Brenda Lee Lato B del singolo precedente. L’originale era una canzone in stile già un po’ datato di Brenda Lee, interpretato con un pizzico di grinta in più dalla Izzo.
Quando si spezza un grande amore (1969) Anna Maria Izzo Surround Yourself With Sorrow (1969) Cilla Black Con la Variety il successivo singolo della Izzo, con una buona versione di un successo di Cilla Black, allora ai primi posti per popolarità in UK.
Bussa dai (1971) Anna Maria Izzo Knock Three Times (1970) Tony Orlando and Dawn Unica cover tra molte canzoni originali anche nell’ultima fase della carriera professionale della Izzo, ora con la casa discografica Fontana, con la quale ha pubblicato 4 singoli tra il 1970 e il 1972. Questo, non proprio irresistibile, è il penultimo.
Una ragazza moderna (1967) Annarita Spinaci Modern Day Fish (1967) Dr. West’s Medicine Show and Junk Band Secondo singolo per Annarita Spinaci dopo il suo esordio con grande successo a Sanremo ’67 grazie ad una efficace canzone di Tony Renis (Quando dico che ti amo) con la quale ha sfiorato la vittoria al Festival. Disco PHILIPS PF 363723. Un’altra canzone in stile anni ’30, sempre sulla scia di Bonnie & Clyde probabilmente.
Ciao caro (1968) Annarita Spinaci So What’s New (1966) Peggy Lee Ancora una scelta retro’ della Philips per Annarita Spinaci, ma da un ottimo originale di diversi anni prima della brava cantante jazz, e crooner al femminile, Peggy Lee. E’ anche l’ultimo singolo con la Philips per la cantante che si avvia alla fase declinante di una carriera che era iniziata sotto i migliori auspici.
Ma come posso non pensarti più? (1969) Anna Marchetti Maybe Tomorrow (1969) Yves (Badfinger) Una delle ultime incisioni (per la etichetta Meazzi) di Anna Marchetti prima di lasciare il mondo della musica professionale. Durante gli anni ’60 aveva raccolto successi e piazzamenti in alcuni festival e un brano di discreto successo (La rapsodia del vecchio Liszt). Questa versione della prima uscita dei Badfinger (gruppo inglese di FM-rock di buon successo nei primi ’70) con la etichetta dei Beatles è onestamente superiore all’originale. Di cui tira fuori tutto il potenziale di tradizionale canzone melodica all’italiana (rock o psichedelia ad anni luce) e la voce è chiara e spiegata e non in falsetto.
Io sono così (1964) Anna Marchetti The Love Of A Boy (1962) Timi Yuro Testo di Mogol e Alberto Testa, lato B del 45 giri “Tristezze / Io sono così” (etichetta Meazzi, M 01271) è la cover di “The Love Of A Boy”, composta da Burt Bacharach e Hal David, (originale su 45 giri Liberty 55519.
Amore di donna (1969) Anna Marchetti The Love Of A Woman (1969) Samantha Sang Testo italiano di Michele Anzoino, pubblicata dalla Marchetti con la Meazzi Edizioni Discografiche (EDM E.D. 1350. E’ la cover di “The Love Of A Woman”, la musica e il testo sono stati composti dai fratelli Barry, Robin e Maurice Gibb, dei Bee Gees, per la cantante australiana Samantha Sang, nella registrazione Barry Gibb era anche alla chitarra e a tratti interveniva vocalist. Originale Parlophone R 5799.
Quando i ragazzi si baciano (1969) Anna Marchetti Treacle Brown (1968) Lori Balmer E’ il lato B del precedente 45 giri “Amore di donna” con testo di Michele Anzoino. E’ la cover di “Treacle Brown” (melassa scura), scritta sempre da Barry, Robin e Maurice Gibb, per Lori Balmer, una ragazzina australiana di dieci anni. Singolo “Treacle Brown / Four Faces West” Polydor (UK) – 56293, pubblicato nel novembre del 1968.
Dove vuoi (1968) Angeli I’m a Boy (1966) Who Una cover convincente proposta da un gruppo attivo in Abruzzo, formatosi attorno al cantante e chitarrista Alfonso Di Berardino.
La versione de Gli Angeli è musicalmente buona, ma il testo originale è completamente travisato. Cosa piuttosto ovvia, dato che parlava di un ragazzo che ama travestirsi da donna (contiene il famoso verso “I’m a boy, but my ma won’t admit it”). Il testo italiano è invece vagamente di protesta, secondo la moda del periodo, anche se poi scivola velocemente verso una questione a due. Il brano dei Who ebbe comunque un grande successo in UK nel 1966 (#2).
Girotondo impossibile (1970) Anonima Sound Seagull (1970) Paul Korda Una cover anche dalla Anonima Sound, il trio fondato da Ivan Graziani, con testo di Alessandro Colombini, era il lato B del singolo “Ombre Vive” pubblicato dalla Numero 1 con numero di catalogo ZN 50006, nell’aprile del 1970. La versione originale di Paul Korda era stata pubblicata dalla Parlophone (R5778) nello stesso 1970. Da segnalare anche una versione del gruppo gallese Love Sculpture dove militava il notevole chitarrista Dave Edmunds, certamente più grintosa e attuale di quella dell’autore Paul Korda.
L’alienazione (1966) Antoine

Qu’est ce qui ne tourne pas rond chez moi (1966) Antoine Versione italiana elaborata ed arricchita nel testo da Herbert Pagani per una bella canzone, comunque su tema analogo, che compariva sul retro dell’edizione francese di Les eleucubrations. Pubblicata in Italia su 45 giri Disques Vogue, cat: J 35100 a giugno del 1966, era il primo singolo italiano di Antoine. Originale francese Disques Vogue, cat: HV 2052, sempre pubblicato nel 1966.
Un’altra strada (1966) Antoine Une autre autoroute (1966) Antoine Altra auto-cover di un Antoine Muraccioli ancora nel suo primo periodo di cantautore beat, alternativo, si direbbe oggi, musica incalzante e testi interessanti ed originali, prima della svolta commerciale con l’arrivo in Italia e il suo nuovo personaggio di simpatico intrattenitore per famiglie.
In questo primo singolo (piuttosto raro) per il mercato italiano era il retro de L’alienazione, in Francia era associato ad un’altra canzone del suo primo LP, La loi de 1920. Il testo italiano (adattamento sempre curato da Herbert Pagani) questa volta è del tutto fedele.
Le divagazioni di Antoine (1966)

Antoine

Les elucubrations d’Antoine (1966)

Antoine

La proposta in lingua italiana del primo successo internazionale di Antoine, accompagnato dal suo gruppo di allora, Les Problemes. Versione italiana di Herbert Pagani, adattamento alla realtà italiana che cerca di mantenere lo spirito irridente dell’originale.

Senti, cocca mia (1966) Antoine Petite fille, ne crois pas (1966) Antoine Lato B del singolo italiano “Le divagazioni di Antoine”,45 giri Disques Vogue, cat: J 35 105. Testo di Herbert Pagani, musica di Antoine, è la cover di “Petite Fille, Ne Crois Pas”, registrata su 45 giri Disques Vogue, cat: EPL 8417, pubblicato nel 1966. Singolo 45 giri Disques Vogue, cat: J 35 105. “Petite Fille, Ne Crois Pas” pubblicata su 45 giri Disques Vogue, cat: EPL 8417, anno 1966.
La felicità (1967)

Antoine

Porquoi ces canons (1966)

Antoine

Vedi la storia della versione “adulterata” di questo brano del cantautore franco-italiano. Era pubblicato sul retro di Pietre, la canzone presentata con successo da Antoine in coppia con Gian Pieretti al Festival di Sanremo del 1967.

Cannella (1967) Antoine Je l’apelle Canelle (1967) Antoine Pubblicato su 45 giri Vogue, cat : J 35140, a giugno del 1967 è la cover di “Je L’Apelle Canelle” dello stesso musicista, pubblicata in Francia su 45 giri EP, etichetta Disques Vogue, cat: EPL 8516. Versione italiana di Herbert Pagani.
Un caso di follia (1967) Antoine Un eléphant me regarde (1966) Antoine E’ il lato B del precedente disco, ed era anche la sigla della trasmissione televisiva: Chi Ti Ha Dato La Patente? del 1967. Testo di Herbert Pagani, musica di Antoine, è la cover di “Un Eléphant Me Regarde” dello stesso Antoine, registrato su 45giri EP, su etichetta Disques Vogue, cat: EPL 8473, pubblicato nel 1966.
Titina (1967) Antoine Titine, achéte-moi un camion (1967) Antoine Ancora una cover dell’attivissimo Antoine, diviso tra Italia e Francia, nel 1967 iniziato al Festival di Sanremo con il buon successo di Pietre. Pubblicato ad ottobre del 1967 su 45 giri Disques Vogue, cat: J 35157 E’ la cover sempre con adattamento curato da Herbert Pagani, di “Titine, achéte-moi un camion” pubblicata nello stesso anno da Antoine in Francia (Disques Vogue , cat: EPL 8579).
Cade qualche fiocco di neve (1967) Antoine Juste quelques flocons qui tombent Antoine E’ il lato B del precedente disco, testo italiano di Herbert Pagani. Il lato romantico e intimista (e pessimista) di Antoine Muraccioli. Una vicenda di fantascienza claustrofobica forse ispirata al celebre fumetto di fantascienza L’eternauta. Pubblicato in Francia nel 1967 nell’EP “Je reprends la route demain”.
Io voglio andare in guerra (1968) Antoine Moi, je veux faire la guerre (1967) Antoine E’ il lato B del singolo “La Tramontana”, Vogue (italy), cat: J 35 162, pubblicato nel 1968. Testo di Herbert Pagani, musica di Antoine, è la cover di “Moi, Je Veux Faire La Guerre”, pubblicata su LP Disque Vogue, cat: CDL 707 30.
Buongiorno, ciao! (1968)

Antoine Bonjour salut (1968)

Antoine Autocover – versione italiana su 45 giri Disques Vogue J 35172 // Originale su EP Disques Vogue EPL 8622 e 45 giri singolo Disques Vogue V 45-1496

Fred Astaire (1968) Antoine Mon père se prenait pour Fred Astaire (1968) Antoine Autocover – versione italiana su 45 giri Disques Vogue, VG 53002 // Originale su LP “Antoine” – Disques Vogue CLD 725

L’acqua è salita (1968) Antoine L’eau a monté les marches du petit escalier (1968) Antoine Autocover – versione italiana su 45 giri Disques Vogue J 35172 // Originale su EP Disques Vogue EPL 8604
Venite con noi (1969) Antoine Venez avec nous (1968) Antoine Testo italiano di Mario Panzeri, musica di Antoine, è il lato B del singolo 45 giri “Cosa hai messo nel caffè”, pubblicato dalla Disques Vogue, cat: J 53004, nel gennaio del 1969. E’ la cover di “Venez Avec Nous” pubblicato in Francia nel 1968 sul retro dell’EP “Le match de football”.
La sbornia (1969)

Antoine

Lily the Pink (1969)

Scaffold

Una tipica canzone da pub “trinca, trinca, buttalo giù con una spinta” ripresa da Antoine nel suo periodo “ludico”. Proposta in origine dai Gufi che avevano anche curato la versione italiana (vedi qui le informazioni sugli interpreti originali e sul significato della canzone).

La canzone che io canto (1969)
Antoine Voy cantando (1968)
Palito Ortega

Versione italiana su 45 giri Disques Vogue, VG 87007 – versione francese del 1969 di Antoine “La chanson qui fait “la la la” su EP Vogue EPL 8678 // Originale su 45 giri RCA Victor 3-10337 (Spagna)
Scappa Jo Jo (1969)
Antoine

Sauve-toi Jo (1969) Antoine Autocover – versione italiana su 45 giri Disques Vogue, VG 87007 // Originale su EP Vogue EPL 8678
Abracadabra (1970) Antoine Abergavenny (1968) Marty Wilde Versione italiana su LP “I grandi successi di Antoine” – Vogue SLBVG 83009 // Orig.su 45 giri Philips BF 1669
Il grande amore (1970)
Antoine

Un grand amour (1969) Antoine Autocover – versione italiana su 45 giri Disques Vogue, VG 87014 // Orig: su Vogue EPL 8678
La partita (1970) Antoine Le match de football (1968)
Antoine

Autocover – versione italiana su 45 giri Disques Vogue, VG 87012 // Originale su 45 giri Vogue V 45-1548
Inverno (1971)
Antoine

Hiver (1968) Antoine
Autocover – versione italiana su 45 giri Disques Vogue VG 87017 // Originale su EP Disques Vogue EPL 8646
Madame (1971)
Antoine

Le petit restaurant (1971) Antoine Autocover – versione italiana su 45 giri Disques Vogue VG 87021 // Originale su 45 giri Disques Vogue V 45-1802
Ra-ta-ta (1971) Antoine Ra-ta-ta (versione tedesca) (1970) Rotation Versione italiana Disques Vogue, VG 87017 // Originale su 45 giri Polydor 2041037- incisa in francese da Antoine Su 45 giri Vogue V 45-1766 nel 1970
Pop corn (Cuore veloce) (1972)

Antoine

Pop corn (strum.) (1969) Gershon Kingsley
Versione italiana su 45 giri Disques Vogue, VI 2013 – vers. Francese del 1972 di Antoine Su 45 giri Vogue 45 V 4140 // Originale su LP “ Music To Moog By Gershon Kingsley” – Audio Fidelity AFSD 6226 (USA)
Ciao e bonne chance (1972) Antoine Bonne chance (1971)

Antoine

Autocover – versione italiana su 45 giri Disques Vogue VI 2004 // Originale su 45 giri Disques Vogue 45 V 4013
Il fantasma (1972)
Antoine

Le fantome n’avait pas la deuxième chaine (1971) Antoine
Autocover – versione italiana su 45 giri Disques Vogue VI 2013 // Originale su LP “Larraldia” – Disques Vogue SLD 808
Il maschio oggetto (1979) Antoine Bord à bord à Bora Bora (1978) Antoine Autocover – versione italiana su 45 giri Barclay, BRC NP 40089// Originale su 45 giri Barclay 62574 e 62586
Solo un momento fa (1965)

Antonio e Corrado

The Way You Look Tonight (1936)

Fred Astaire

L’originale è uno “standard” di Jerome Kern, interpretato nel corso del tempo da molti artisti, tra i quali Frank Sinatra e, recentemente, Michael Bublè, la prima esecuzione è del 1936 ad opera di Fred Astaire.
Antonio (Latessa) e Corrado (Bonicatti) erano già attivi con la RCA come autori e avevano anche pubblicato in proprio due singoli (Un mare blu e PsicoTwist) come “I Metafisici”. Questo brano successivo molto tradizionale era statao pubblicato sempre dalla RCA con la sub-etichetta ARC.

Robinson (1965)

Apostoli

You Know He Did (1965)

Hollies

Il retro del successo degli Hollies “Yes I Will” venne preso come base dal complesso romano “Gli Apostoli” per il loro esordio su etichetta Sunstar. Altra versione dai Crazy Boys (Sì, credile), con parole diverse. Questa versione sicuramente con le parole originali non c’entrava per niente. Nel brano beat degli Hollies si parlava di un ragazzo che cerca di convincere una ragazza a cambiare idea. Qui il soggetto è proprio Robinson Crusoe (!). Come gli sarà venuto in mente alla Sunset Records è un mistero.

Chi mai lo sa? (1965)

Apostoli

Where Have All the Flowers Gone? (1960)

Pete Seeger

Lato B del disco citato sopra. In origine era uno dei più classici brani folk, portato al successo internazionale da Joan Baez, oltre che dall’autore. Versione italiana totalmente travisata, diventa una vicenda che riguarda due innamorati, sono spariti i fiori e anche la denuncia della guerra. Piuttosto moscio anche l’arrangiamento. Gli Apostoli hanno inciso anche una diversa versione del brano, con testo di Paparazzo (il bassista del gruppo) differente da questo, opera invece del paroliere Pace. Il titolo era “Sento già andar l’estate” e quindi è probabile che anche questa versione non fosse molto fedele. Questa seconda versione non venne comunque pubblicata per motivi non noti.

E’ meglio che mi muova (1966) Apostoli She’s About A Mover (1965) Sir Douglas Quintet Un brano decisamente più deciso probabilmente registrato dagli Apostoli di Roma nel ’66. Merito anche del trascinante originale del gruppo tex-mex-beat di Doug Sahm, anche noto per Mendocino (Ragazzina).
Do Wah Diddy Diddy (1964)

Armando Savini

Do Wah Diddy Diddy (1964)

Manfred Mann

Il titolo di questo brano minore del band leader sudafricano attivo in UK negli anni ’60 (noto soprattutto per il successo internazionale ottenuto con “Mighty Quinn”) era evidentemente intraducibile.

Non dite a mia madre (1964) Armando Savini The House Of The Rising Sun Animals Sull’altro lato del singolo citato in precedenza (45 giri, Polydor – NH 54817) quella che cronologicamente è la prima versione italiana, seguita a poca distanza da quella con lo stesso titolo di Riki Maiocchi, entrambe con testo di Luigi Menegazzi, del traditional del Sud degli USA reso celebre in tutto il mondo dalla efficace versione blues-rock degli Animals. Si può leggere tutto o quasi su questa canzone seguendo i link a lato. Da segnalare l’idea di Marino Marini di registrarsi in SIAE come autore della musica (Vedi ISWC T-005.627.123-8).
Lacrime e pioggia (1968) Armando Savini Rain And Tears (1968) Aphrodite’s Child Quattro anni dopo (che negli anni ’60 in musica erano un’era geologica) Savini presenta una sua versione alternativa alla cover dei Quelli del successo internazionale del trio greco. Ormai però il mondo era cambiato e i ragazzi cercavano e acquistavano l’originale. Singolo 45 giri Philips-363729 PF.
Diana (1967) Asteroidi Mary Anne (1965) Shadows Una cover degli Shadows, loro primo modello musicale, per gli Asteroidi di Castelvetrano (Trapani) fondati dagli allora giovanissimi Aldo Favara e Aldo Mangiaracina nel 1964, poi a lungo attivi con vari cambi di formazione fino agli anni ’70. Disco Musical Record ‎– PA 107/67, sul lato B un originale, Sesto sincronismo.
Vado su in alto (1968)

Astrali

Eight Miles High (1966)

Byrds

Esponenti del ristretto gruppo della psichedelia italiana (con i Fantom’s, Le Stelle di Mario Schifano, i Chewing Gum, Chetro & Co.) Gli Astrali di Torino non pubblicarono alcun disco nel loro periodo di attività tra il ’67 e il ’68. Le registrazioni fatte all’epoca per un album quasi pronto ma mai pubblicato sono però state recuperate nel 1995 dalla etichetta Destination X e pubblicate su CD.
Oltre che per le cover dei noti brani degli Yardbirds e dei Byrds, sono ricordati per la suite strumentale “Un Altro Viaggio Allucinogeno”, ispirata allo stile Pink Floyd di Interstellar Overdrive.

Non siamo come voi (1968)

Astrali

You’re a Better Man Than I (1966)

Yardbirds

Un’altra convincente proposta, più sul versante rock, da parte degli Astrali. Anche l’originale degli Yardbirds era una canzone “di protesta” e parlava addirittura di capelli lunghi. La traduzione italiana quindi, anche se non con le stesse parole (cerca di parlare anche della “società”) si occupa più o meno degli stessi temi. L’autore del brano Mike Hugg (col fratello Brian) era uno dei musicisti del Manfred Mann Group che è stato il primo a proporla, ma con un diverso arrangiamento.

Credi (1968) Astrali Rari (1965) Standells Altro brano contenuto nell’LP perduto degli Astrali “Viaggio allucinogeno”. L’originale era il lato B di “Dirty Water” il maggiore successo degli Standells, un gruppo garage beat-rock di Los Angeles. Nella traduzione italiana di fantasia diventa una specie di canzone di protesta, mentre nell’originale, un brano molto valido, una storia a due incentrata su una ragazza da non perdere.
Loco loco (1963) Augusto Righetti The Loco-Motion (1962) Little Eva Testo italiano di Biri (Ornella Ferrari), è il lato B del 45 giri “In quella festa”, etichetta Galleria Del Corso, numero di catalogo: GC 077, pubblicato nel 1963. Impeccabile versione di Augusto Righetti che riprende un successo USA dell’anno precedente, composto da Gerry Goffin e sua moglie Carole King e portata in alta classifica statunitense dalla esordiente Little Eva. Notevole è stata anche la versione della band statunitense “Grand Funk Railroad” (# 1 USA del 1974) e della cantante australiana Kylie Minogue (# 3 USA del 1988) e in Europa, di Sylvie Vartan. Disco originale; singolo 45 giri, etichetta Dimension, numero di catalogo: 1000, pubblicato in giugno del 1962.
Non sei dritta (1966)

Augusto Righetti

Day Tripper (1965)

Beatles

Augusto Righetti era negli anni ’60 un chitarrista virtuoso che aveva iniziato sin da giovanissimo una carriera professionale sia nella musica leggera sia nella classica. Attivo soprattutto a Milano, con il suo gruppo Le Ombre era ospite fisso a metà degli anni ’60 del locale Charly Max, dove ha avuto modo di incontrare i Beatles nel loro tour italiano (era il 1965) partecipando anche al loro concerto nella città lombarda. Dopo questa esperienza incide nel 1966, con la complicità di Mogol, Calabrese e Beretta un intero LP per la Carosello con 14 cover dei Beatles, in maggioranza inedite, dal titolo “Righetti al Charly Max canta i Beatles in italiano”. Nelle Note l’elenco completo con gli autori. Nel seguito le altre cover contenute nel disco. Altre ancora sono state pubblicate da Righetti su singoli.

Michelle (1966)

Augusto Righetti

Michelle (1965)

Beatles

Alla seconda traccia una delle canzoni di maggior successo per i 4 nel nostro paese. Testo italiano di Ricky Gianco molto lontano dall’originale, molto banalizzato (leggilo anche tradotto seguendo i link).

La tua voce (1966)

Augusto Righetti

And I Love Her (1964)

Beatles

Queste versioni italiane interpretate quasi sempre per la prima volta da Righetti sono state poi riprese da diversi altri gruppi e cantanti negli anni ’60, come in questo caso Patty Prav, Don Backy e altri. Un elenco completo di tutte le cover in italiano dei Beatles si può consultare nella pagina Le covers dei Beatles.

Non mi vedrai (1966)

Augusto Righetti

You Won’t See Me (1965)

Beatles

Nel seguito sono elencate le altre canzoni dei Beatles “prese di mira” con simpatica noncuranza da Righetti e dai suoi parolieri nel suo noto album. Il chitarrista ha continuato la sua carriera nel mondo della musica ed è pienamente attivo ancora oggi con un nuovo gruppo, i Bravo. Il gruppo che ha accompagnato Righetti nella registrazione dell’album si chiamava Charly’s Team ed era composto da: Augusto Righetti (chitarra e voce), Gianni Bedori (sax e flauto), Cornelio Dattoli (basso), Gianni Cazzola (batteria), Vittorio Bacchetta (piano e organo).

Fammi fare un giro (1966)

Augusto Righetti

Drive My Car (1965)

Beatles

Adattamento in italiano di Giorgio Calabrese. In questo caso uno dei peggiori adattamenti dell’intero gruppo di canzone. La canzone originale, una delle più originali, anticipatrici sul lato del costume e anche divertente col colpo di scena finale (leggi il testo originale e la traduzione col link a lato) diventa una questione tra bambini cresciuti con perfino un’auto a pedali.

Il paese che non c’è (1966)

Augusto Righetti

Nowhere Man (1965)

Beatles

Adattamento in italiano di Giorgio Calabrese. Il testo nella nostra lingua è relativamente fedele rispetto agli standard del periodo, nel senso che per una volta non introduce né una figura femminile né qualche vago accenno di protesta. Ma ricorre ad una serie di immagini casuali e generiche senza cogliere l’intendimento satirico molto chiaro dell’originale.

La parola (1966)

Augusto Righetti

The Word (1965)

Beatles

Anche in questo caso il testo italiano era a cura di Giorgio Calabrese. Seguire i link a lato per il testo italiano, il testo originale tradotto e i commenti.

Nelle mani tue (1966)

Augusto Righetti

We Can Work It Out (1965)

Beatles

Adattamento in italiano di Carlo Rossi. Pubblicata probabilmente in precedenza, ma nello stesso anno, da Mike Liddell e gli Atomi.

Cara mia

Augusto Righetti

Run For Your Life (1965)

Beatles

Più o meno un testo simile all’originale di Lennon in questa versione di Giorgio Calabrese del brano dei Beatles contenuto nell’album Rubber Soul del 1965. La vicenda è simile, un richiamo all’ordine alla ragazza (o ex-ragazza) di chiara ispirazione maschilista (forse ironica e canzonatoria) della quale l’ex Beatle poi si scuserà pubblicamente.

Girl (1966) Augusto Righetti Girl (1965) Beatles Adattamento italiano di Mario Cenci. Come noto era già stata pubblicata in precedenza (a febbraio dello stesso anno) in italiano, e con buon successo, da Peppino Di Capri. Testo italiano molto banale che non rende giustizia ad una delle più belle ed originali canzoni d’amore scritte da John Lennon. Si può leggere il testo originale e la traduzione seguendo il link a lato.
Rimani soltanto tu (1966)

Augusto Righetti

In My Life (1965)

Beatles

Adattamento italiano di Giorgio Calabrese.

Se abbassi gli occhi (1966)

Augusto Righetti

I’m Looking Through You (1965)

Beatles

Adattamento italiano di Luciano Beretta. Seguire i link a lato per il testo italiano, che tradisce totalmente il testo originale, il testo originale tradotto e i commenti. Molto modesta in questo caso anche dal punto di vista musicale l’esecuzione di Righetti e del suo gruppo.

Vuoi (1966) Augusto Righetti Wait (1965) Beatles Adattamento italiano di Giorgio Calabrese. Seguire i link a lato per il testo italiano, il testo originale tradotto e i commenti.
Che cos’hai (1966)

Augusto Righetti

What Goes On (1965)

Beatles

Per questa ultima traccia dedicata ai Beatles sull’album non sono indicati gli autori italiani.

Quello che manca (1966)

Augusto Righetti

Paperback Writer (1966)

Beatles

Queste ultime tre cover non erano invece nell’album citato ma sono state pubblicate su singoli. Questa era il retro del singolo con “Non sei dritta” sul lato A. Nessun tentativo da parte dei tre noti parolieri di far conoscere i testi del gruppo più famoso del rock, procedevano nella maggioranza dei casi solo per assonanza metrica. Evidentemente non avevano alcun timore reverenziale per quelle canzoni poi diventate classici.

Pioggia (1966)

Augusto Righetti

Rain (1966)

Beatles

Diverse di queste cover sono poi state riprese da altri gruppi, ad esempio questa (con risultati inferiori) dai Bushmen. Traduzione della prima canzone psichedelica dei Beatles apparentemente fedele ma con le tradizionali aggiunte dei parolieri italiani del periodo: il riferimento a una lei che ovviamente è andata via, e un accenno di protesta (“nel mondo nulla cambia”).

Se restassi solo (1966)

Augusto Righetti

If I Needed Someone (1965)

Beatles

Questa volta il testo italiano è simile all’originale dei Beatles (di George Harrison, in questo caso). Anche se “se avessi bisogno di qualcuno” non è la stessa cosa di “se restassi solo”, e non ci sono frasi colloquiali come “in altre circostanze” o “sono troppo preso, tutto qui”.
Esecuzione lontana dal ritmo e dal perfetto equilibrio del quartetto di Liverpool. La canzone è stata anche incisa dagli Hollies praticamente in parallelo ai Beatles (ovviamente c’era un accordo) ed era ispirata allo stile chitarristico dei Byrds.

Basta un ciao (1966)

Augusto Righetti

It’s Gonna Be Alright (1964)

Gerry & The Pacemakers

Anche una cover dal gruppo rivale dei primi Beatles per l’infaticabile Augusto Righetti. Oltre ai Beatles e al Mersey beat a fine decennio e poi ancora negli anni ’70 Augusto Righetti ha proposto altre cover da successi stranieri, elencate nel seguito, con le ampie note di Ignazio Sulis.

Un amore nuovo (1968) Augusto Righetti I’m Losing You (1966) Kenny Ballard and The Fabulous Soul Brothers Una cover inserita su un LP multi-artisti “Top Hits“ prodotto dalla Carosello col numero di catalogo PLP 318, pubblicato presumibilmente nel 1968, in scaletta altri nomi non molto noti del periodo (Robertino Loretti, Fausto Mola, Ivan, Meri Marabini).
Atlantis (1969)

Augusto Righetti

Atlantis (1968)

Donovan

Il testo italiano è tradotto fedelmente da Felice Picarreda, è un singolo 45 giri, etichetta Durium, numero di catalogo LDA 7636, pubblicato a Giugno del 1969. Anche l’arrangiamento, curato da Marcello Minerbi (dei Los Marcellos Ferial) è più o meno simile al brano originale, così vale anche per l’intro parlato, dove si fa una descrizione del mitico continente di Atlantide, poi Augusto Righetti attacca con il ritornello che ripete all’infinito fino a sfumare e poi concludere. La canzone originale venne scritta, composta e cantata dallo scozzese Donovan, cantautore per eccellenza e famoso per le sue pregevoli ballate, venne apprezzato anche in Italia, soprattutto per le gradevoli armonie e melodie, suonate con naturale maestria con la sua chitarra e in particolare con il suo primo cavallo di battaglia “Catch The Wind”, ma anche “Colours” che venne anche interpretata in duetto con Joan Baez durante un tour negli USA nel 1965 e tanti altri validi brani anche beat come “Sunshine Superman” o “Mellow Yellow”, ecc. Atlantis è un singolo 45 giri, etichetta Pye Records, numero di catalogo: 7N 17660, pubblicato in UK il 22 novembre 1968.

Venus (1970)

Augusto Righetti

Venus (1969)

Shocking Blue

Molto incisivo Augusto Righetti in questa performance dove curò anche l’arrangiamento, ripresa da un grande successo internazionale, composto e scritto da Robert Van Leeuwen, chitarrista del gruppo olandese Shocking Blue con in evidenza la cantante Mariska Veres dalla peculiare voce profonda. Il testo italiano è di Alberto Simonluca Favata, è un singolo 45 giri, etichetta Durium, numero di catalogo LdDA 7669, pubblicato in Febbraio del 1970. Molto famosa anche in Italia, la canzone originale entra in classifica il 31 gennaio 1970 partendo dal #9 e progredendo al #6 il 7 di febbraio, al #4 il 14 febbraio, al #3 il 21 febbraio, al #1 il 28 febbraio fino al 7 di marzo per poi regredire e mantenendosi in classifica fino al 6 giugno del 1970 per un totale di 18 settimane. Raggiunse # 1 anche in diverse Hit Parade europee: Spagna, Francia, Belgio, Germania e infine nella Billboard Hot 100 negli Stati Uniti dove ottenne il disco d’oro per aver superato il milione di copie vendute. Disco singolo 45 giri, etichetta Pink Elephant, numero di catalogo: PE 22 015, pubblicato in Luglio del 1969.

Celimene (1977)

Augusto Righetti Group

Célimène (1976)

David Martial

Célimène , è una giovane donna che è l’oggetto dei desideri di molti uomini, rappresentato nella commedia “Il Misantropo” del drammaturgo francese Molière, una figura che è l’esatto contrario del misantropo. Nella canzone viene raccontata più o meno come descritta nella commedia, dando più risalto al desiderio di lui, beandosi di aver trovato la donna(bambola)giusta e di averla solo per se. E’ un singolo 45 giri, etichetta Durium, numero di catalogo Ld Al 7955, pubblicato nel 1977, testo italiano fedele all’originale di Clara Miozzi. L’originale è stata composta ed eseguita dal cantante pop originario delle Antille francesi (Martinica) David Martial e scritta da Gilles Sommaire. Disco: singolo 45 giri, etichetta CBS, numero di catalogo: CBS – 4094, pubblicato in Fr. nel 1976.

Vengono a portarci via ah! aah! (1966)

Balordi

They’re Coming to Take Me Away, Ha-Haaa! (1966)

Napoleon XIV

I Balordi non potevano che scegliere il provocatorio brano appena arrivato ad un inatteso successo in USA (#3 nell’estate del ’66), unicamente parlato con accompagnamento di rumori vari, e dedicato ovviamente al tema della pazzia. L’autore ed esecutore originale si chiamava in realtà Jerry Samuels ed era un tecnico del suono. Non riuscì, nonostante successivi tentativi, a replicare questo successo così legato all’effetto sorpresa. La versione dei Balordi non sfigura affatto rispetto all’originale, ma non ebbe altrettanto successo in Italia.

Gol! (1966)

Bad Boys

Kicks (1966)

Paul Revere & The Raiders

Il gruppo originale, piuttosto noto nei primi anni ’60, era stato formato da Paul Revere e Mark Lindslay che venivano da un loro precedente gruppo, i Downbeats. Loro principale successo “Just Like Me”. Sfruttando la omonimia del leader con il patriota simbolo della indipendenza americana, si presentavano vestiti come cavalieri di fine ‘700. Il testo italiano non c’entra per nulla con l’originale americano. Etichetta Style STMS 633.

Sono stufo di te (1966)

Barabba

I Need You (1965)

Kinks

A parte l’impatto sonoro inferiore rispetto all’originale dei grandi Kinks, che era uno dei brani che precorrevano l’hard rock, questo è un caso di testo italiano che più che stravolgerlo, è proprio l’opposto dell’originale. Ovviamente infatti il celebre brano beat dei fratelli Davies dichiara in vari modi “ho bisogno di te, più di quanto gli uccelli hanno bisogno del cielo” mentre in italiano diventa “sono stufo di te, non provo più niente per te, va via, non ne voglio più sapere” e così via. Potenza della metrica. Ma bisogna riconoscere che, magari per caso, lo spirito del beat è presente più nel testo italiano che in quello originale.

Non hai capito (1966) Barabba Down Home Girl (1965) Rolling Stones Sul retro del primo singolo dei bolognesi Barabba un’altra cover, stavolta dai Rolling Stones, che riprendevano per il loro secondo album un blues del cantante e musicista R&B Alvin “Shine” Robinson pubblicata con l’etichetta Red Bird l’anno prima. Più compatta e più valida del lato A del singolo del complesso bolognese. Anche in questa canzone i Barabba insistono sul tema del ragazzo spietato che molla la sua tipa senza tante storie. L’originale descriveva invece una “down home girl”, una ragazza “ruspante” che cerca di sembrare più sofisticata di quella che è, ma a lui piace ancora di più così.
Mi appartieni ancora (1965)

Barrittas

Go Now (1964)

Moody Blues

Gruppo beat sardo degli anni’60, front-man Benito “Barritta” Urgu, assieme ai fratelli Salis, poi in proprio come Salis & Salis. Ricordati per i tentativi di commistione sardo-beat e anche perché si avventurarono nella Messa beat (!) con l’LP Messa Folk. Qui impegnati in una cover dai Moody Blues del primo periodo inserita nel primo LP omonimo del gruppo sardo, pubblicato con la Ariel nel 1965.. Altra cover dello stesso brano dall’Equipe 84 (Ora puoi tornare).
P.S. “Barritta” in sardo significa “cappello”. Era il soprannome del leader Benito Urgu. Da notare che su diversi dischi e in generale in Internet il nome è riportato erroneamente come Barritas con una sola “t”.

Lascia in pace il mio cuore (1965)

Barrittas

Since You Broke My Heart (1959)

Everly Brothers

Altra cover contenuta nel primo LP omonimo dei Barrittas, pubblicato nel 1965, e ripubblicato su CD da OnSale Music.

Rhonda, aiuto (1965)

Barrittas

Help Me Rhonda

Beach Boys

I Beach Boys erano veramente fonte di ispirazione per molti complessi degli anni ’60. Fedele nella esecuzione, un po’ meno nel testo, la versione dei Barrittas.

Se io ti regalo un fiore (1967) Barrittas Gimme Little Sign (1967) Brenton Wood Ottima esecuzione dei Barrittas (o Barritas) di un brano molto leggero di Brenton Wood. Il cantante nero americano è rimasto famoso per questa canzone e per “Oogum Boogum Song”, altro brano molto lieve. Buon successo in Italia, il brano entrò in classifica tra i primi 10. Il nome corretto del complesso sardo dovrebbe essere Barrittas come indicato nella copertina di Rhonda, aiuto (vedi il link) essendo il termine sardo per “berretti”. Nelle successive copertine è invece semplificato (o italianizzato) in Barritas con una sola “t”.
Non ho dormito mai (1966)

Barrittas

Love Potion n. 9 (1963)

Searchers

Altra cover dei Barrittas da un successo dei Searchers del ’63. Pubblicata come primo brano nel loro LP del 1966 Whisky, birra e Johnny Cola. L’originale era un brano R&B di un gruppo nero USA, i Clovers, pubblicato nel 1959 (da cui il riferimento al 1956 nel testo) ripreso qualche anno dopo, nel 1963, dal gruppo inglese dei Searchers e arrivato al successo mondiale (#3 in USA). A questa versione fa chiaramente riferimento l’arrangiamento usato dai Barrittas.
Il testo italiano, pur valido nel suo genere, prescinde totalmente dall’originale, e ignora la simpatica storia della pozione d’amore un po’ troppo efficace. Altra versione in italiano, precedente e con lo stesso testo, pubblicata nel 1965 dal cantante vacanziero Paolo Bracci.

Al ristorante (1970)

Barrittas

Sea Of Joy (1969)

Blind Faith

Il gruppo di Benito “Barritta” Urgu e dei fratelli Salis in una impegnativa versione di un brano del supergruppo che vedeva assieme Stevie Winwood e Eric Clapton (con Rick Grech e Ginger Baker). Si ignora perché dal simbolico “mare della gioia” siamo passati a un prosaico ristorante dove il protagonista aspetta l’amata (che non si vede). Non male comunque la esecuzione sia musicale sia vocale (ma non pare che la voce sia di Benito Urgu, forse è di Tonio Salis).

Ritorno da te (1970)

Barrittas

Sunshine Of Your Love

Cream

Anche il classico dei Cream tra le proposte ai confini del rock del gruppo sardo. Lato B del singolo con Al ristorante.

Eloise (1968) Barry Ryan Eloise (1968) Barry Ryan Auto-cover del grande successo internazionale nello stile sinfonico-pomposo che, tra gli altri, ha avuto un breve spazio alla fine degli anni ’60. Tremenda la pronuncia di Barry Ryan, sembra che imita un inglese imitato da un italiano. Inspiegabile che qualcuno all’epoca abbia potuto acquistare questo disco in italiano.Testo di Giuseppe Cassia, MGM Records, MG 70.036. Autore della canzone, grande successo in UK, era fratello gemello Paul. Come è scritto in copertina (Originale MGM – K 14010).
E’ lei (1968)

Baronetti

She’s My Girl

Turtles

L’originale era il terzo grande hit da classifica dei Turtles, dopo Happy Together e prima di Elenore. I Turtles, caratterizzati dagli impasti vocali dei due front-men Howard Kaylan e Mark Volman, sono stati un gruppo pop di grande seguito in USA nella seconda metà dei ’60. I due hanno poi raggiunto Frank Zappa nella prima formazione delle sue Mothers Of Inventions.

Il sole splenderà (1969)

Bat Bat

You’re So Good To Me (1967)

Chris Farlowe

I Bat Bat erano uno dei gruppi di testa del beat pesarese (con Nomadi PS, Anonima Sound – il primo gruppo di Ivan Graziani – e Tubi Lungimiranti) che si opponeva all’allora dominante ala veneta “Verona beat” (celebrato dai Gatti di Vicolo Miracoli nell’omonima canzone degli anni ’80), un po’ come il Manchester Sound si contrapponeva al Liverpool Sound. L’originale era un brano minore di Chris Farlowe, lato B di My Way Of Giving, che a sua volta era stato un singolo di non grande successo del cantante inglese di R&B divenuto famoso con Out Of Time.

Un marinaio

Beans

A Salty Dog (1969)

Procol Harum

Il testo italiano travisa come al solito pesantemente quello originale. C’è una lei e un “viso tuo” assente nell’originale (che parla del mito del viaggio e dell’avventura) e un marinaio invece di un capitano. Però c’è il mare e il sale. Altre versioni dai Beati (I giorni sono lunghi) e dai Camaleonti (Un angelo in più). Con lo stesso testo incisa anche da I Fratelli di Vercelli (CGD 9739 – 1969).

L’ora di piangere (1966) Becchini Remember (Walkin’ in The Sand) (1964) Shangri-Las Versione italiana di Remember (Walkin’ in The Sand) pezzo scritto da George “Shadow” Morton ed eseguito nel 1964 dalle Shangri-Las. La canzone si è piazzata al posto 395 secondo la classifica di tutti i tempi stilata da Rolling Stone’s 500 Greatest Songs of All Time. Nel 1980 gli Aerosmith l’hanno riproposta in chiave rock con il supporto non accreditato di Mary Weiss delle Shangri-Las. Una versione più nota da Lucio Dalla (secondo 45 giri del futuro cantautore).
La mia voce (1966) Becchini When You Walk In The Room Jackie DeShannon (1963) Altra cover alternativa a quelle più note dei New Dada (con lo stesso testo) e dei Rokes (C’è una strana espressione nei tuoi occhi). Originale più noto nella versione dei Searchers, ma più apprezzabile nella versione dell’autrice, la sottovalutata Jackie DeShannon. Pubblicato come il precedente sulla antologia Rapallo Davoli 1966 Vol.5 che non si sa se sia stata distribuita fuori circuito nel 1966. Ripubblicata su CD da Giallo Records negli anni ’90-
Mi hai perdonato lo so (1967)

Bertas

Tip of my Tongue (1967)

Grassroots

Una delle cover del gruppo sardo dei Bertas, giunto alla notorietà nel 1967 con il grande successo (n.1 in hit-parade) del loro piacevole brano Fatalità, ripreso poi anche da Ornella Vanoni. Negli anni ’70 si dedicheranno alla musica di tradizione sarda. Questa cover era il lato B proprio di Fatalità ed era basata su un brano di P.F.Sloan per i Grassroots. In questo caso era anche lo stesso Sloan al canto. Buona la interpretazione dei Bertas, anche se più “pop” dell’originale, e testo italiano per una volta fedele, almeno nell’impianto generale (la confessione del tradimento nell’originale era “sulla punta della lingua”).

Come vuoi che io (1968)

Bertas

How Can I Be Sure

Young Rascals

Questa cover è stata pubblicata sul primo LP dei Bertas “Fatalità” nel 1968. Nella riedizione dell’LP del 2002 è stata aggiunta anche una cover di Homburg (L’ora dell’amore) registrata successivamente o rimasta inedita a suo tempo. nel disco del 1968 non c’era.

Dandy (1968)

Bertas

Dandy (1966)

The Kinks

Una versione corretta, ma con un piccolo spostamento dal quadretto ironico e satirico dell’originale alla dimensione personale nel testo italiano curato da Giuseppe Cassia. Anche questa dall’LP dei Bertas.

Dondolo (1968)

Bertas

Sound Asleep (1967)

Turtles

L’originale era un successo mancato per i Turtles, in cerca di un cambio di rotta dopo i primi successi commerciali. Lato A del secondo singolo dei Bertas, anche questa su dischi ARC-RCA. Il testo italiano prende in parte l’idea di quello originale, che raccontava le sensazioni di un faticoso e pigro risveglio, per parlare di una situazione più generale e diventa così anche più interessante.

La banda (1968)

Bertas

A banda (1966)

Chico Buarque de Hollanda

Una delle versioni del grande successo internazionale del cantautore brasiliano, una canzone nota in Italia soprattutto per la versione di Mina. Pubblicata anche questa sul primo LP dei Bertas “Fatalità” nel 1968.

Vuoi (1968) Bertas Warm (1957) Johnny Mathis Testo italiano di Sergio Bardotti, musica di: Sid Jacobson e Jimmy Krondes, Columbia Records 1957, inserito nel lato A dell’album studio avente lo stesso titolo e in seguito Fontana Records UK nel 1958. Questa cover e le due seguenti erano incluse nel LP dei Bertas del 1968 dal titolo, ovviamente, Fatalità (LP 33 giri mono, inciso alla ARC – etichetta della RCA italiana catalogo: ALPS 11005 – 1968)
La Donna Del Sole (1968) Bertas Sunshine Girl (1967) The Parade Testo di Danpa, pseudonimo di Dante Panzuti, cover della canzone “Sunshine Girl” del 1967, del gruppo californiano The Parade.
Non c’eri tu (1968) Bertas Somos Novios (1968) Armando Manzanero Testo di Emilio Larusso, musica di Armando Manzanero, compositore messicano e autore della canzone “Somos Novios”, registrata su 45 giri, lato A, in Spagna, alla RCA Victor – 3-10348. Pubblicato nel 1968.
Gentarrubia

Bertas

I Got you Babe

Sonny & Cher

Anche se compare in molti elenchi di cover, non è a rigore una cover anni ’60, e neanche una cover in italiano, ma in lingua sarda. Incisa su disco dai Bertas in occasione di una reunion nel 1993, ha un arrangiamento moderno e una parentela veramente difficile da individuare con il classico successo di Sonny & Cher utilizzato come base. Il titolo significa “gente rossa”, il nome che viene dato in sardo ai fenicotteri che sostano nello stagno di Cagliari, quindi anche il testo ha pochi punti di contatto con l’originale.

Chariot (1963) Betty Curtis Chariot (1962) Petula Clark Se l’autocover di Petula Clark andò dritta al N.3 delle nostre classifiche, la versione di Betty Curtis nello stesso anno raggiunse addirittura il N.1 e fu uno dei dischi più venduti del 1963. Curiosamente, al N.2 andò la versione strumentale del brano (da Frank Pourcel) e perfino la versione americana di Little Peggy March arrivò al N.6. Tutte le cover di Betty Curtis sono elencate in una pagina dedicata alla cantante milanese.
Una ragazza facile (1965)

Big Ben’s

Memphis Tennessee (1958)

Chuck Berry

Ovviamente il testo italiano non ha nulla a che vedere con l’originale (che era basato su un tentativo di ricerca telefonica di una ragazza, che poi si rivela essere la figlia, nella città del titolo). Interessante e finalmente al passo coi tempi però la preferenza espressa dai Big Ben’s per una “ragazza facile”, che quindi “non parli di cose serie, che non voglia essere la dolce mia metà”. I Big Ben’s erano il primo gruppo del famoso chitarrista e cantante Alberto Radius.
Altra versione incisa anche da Don Backy con i suoi Fuggiaschi nello stesso anno, come lato B del singolo “L’amore”.

Tu non sai niente dell’amore (1965)

Big Ben’s

Please Please Me (1963)

Beatles

Piuttosto che essere una versione italiana, il brano dei Big Ben’s assomiglia nella struttura al celebre successo dei Beatles. Retro di “Una ragazza facile”, singolo Ariston AR 0108.

C’è chi per amore (1966)

Big Ben’s

The Last Time (1965)

Rolling Stones

Tentativo di proporre in italiano un rock-blues degli Stones del primo periodo da parte dei volonterosi e temerari Big Ben’s. Inevitabile la differenza di impatto sonoro rispetto all’originale. Retro di “Come vuoi tu”, un altro singolo dei Big Ben’s con la Ariston. Singolo 45 giri Ariston Records – AR-0120, testo italiano di Luciano Beretta. Per la musica nel disco è dichiarato il capo band Franco Campanino, quindi si tratta di cover non ufficiale.

Nella gabbia (1966)

Bigs

I’ll Go Crazy (1960)

James Brown

I Bigs erano uno dei molti gruppi inglesi calati in Italia, in precedenza si chiamavano The Exotics. Il brano scelto per la cover era uno dei più sfruttati all’epoca, si trattava di un brano R&B all’origine di James Brown, ripreso dai Moody Blues nel loro LP pre-psichedelico e pre-sinfonico “The Magnificent Moodies” del 1966. Come in altre occasioni dalla Inghilterra la popolarità del brano arrivò in Italia via radio. Una versione con un buon tiro, che non sfigura troppo al confronto con quella del re del soul.

Una che dice sì (1967)

Bisce

Here, There And Everywhere (1966)

Beatles

Retro del disco di esordio de Le Bisce (La danza della morte). La traduzione non prova neanche a rendere in italiano il significato del capolavoro di Paul McCartney (contenuto in Revolver del 1966) ma almeno non parla, come sembrerebbe invece dal titolo, di un’altra “ragazza facile”, dopo quella dei Big Ben’s.

Lucille (1966) Bisonti Lucille Little Richard Un rock ‘n roll tradizionale in versione italiana, in un EP del 1966, seconda uscita per il gruppo di Bruno Castiglia (vedi la nutrita discografia). Disco tris City Record ‎– C 6164.
Tu non ridi più (1966)

Bit-Nik

Look Through Any Window (1965)

Hollies

Lato B del primo singolo dei Bit-Nik “Preghiera per un amico beat / Tu non ridi più”, etichetta Meazzi, numero di catalogo: M 01301, pubblicato nel 1966, testo italiano di Matteo Treppiedi e Alberto Testa. Autori dell’originale Charles Silverman e Graham Gouldman (Graham Keith Gouldman), quest’ultimo musicista fece parte di numerose band inglesi, tra le quali: Hotlegs (quelli di Neandethal Man), che cambiarono nome in (10cc), poi proseguì nei The High Spots, The Crevettes, The Planets, The Whirlwinds e dopo l’uscita di Wayne Fontana, anche nei The Mindbenders. La canzone originale venne registrata come singolo 45 giri, dal gruppo rock inglese The Hollies per la Parlophone, numero di catalogo:R 5322, pubblicato in agosto del 1965.

Cerca in fondo agli occhi miei (1967)

Bit-Nik

Warm And Tender Love (1966)

Percy Sledge

Dopo aver esordito come complesso Beat, I Bit-Nik si cimentarono anche con altri generi, come in questo caso (il Soul). Singolo 45 giri, etichetta: Meazzi, numero di catalogo: M 01311 pubblicato in ottobre del 1967, il testo italiano è di Mogol, nel lato B c’è “Svegliati e cammina”. La canzone originale è stata scritta e composta da Ida Irral Berger e Bobby Robinson, riproposto a due anni dalla prima pubblicazione al cantante R&B e Soul afro-americano Percy Sledge, il grande interprete che esordi con la hit di tutto rispetto, il suo primo singolo: “When A Man Loves a Woman” #1 nella Billboard Hot 100 e #1 nella R&B Singles Charts. Il brano in oggetto venne registrato per la prima volta da Joe Haywood; singolo 45 giri Enjoy Records, numero di catalogo:2013, pubblicato nel 1964. La registrazione di Percy Sledge è inserita nell’album LP 33 giri “Warm & Tender Soul”, etichetta Atlantic Records, numero di catalogo: SD 8132, pubblicato nel novembre del 1966. Il Singolo è stato al #17 nella Billboard Hot 100 e #5 nella Hot R&B/Hip-Hop Songs. Disco 45 giri, etichetta Atlantic Records, numero di catalogo: 45-2342, pubblicato nel 1966.

Manifesto beat (1967)

Bit-Nik

Don’t Throw Your Love Away (1963)

Orlons

Brano di “protesta” dei Bit-Nik, basato su una canzone di tutt’altro genere dei Searchers. I Bit-Nik erano noti per altre canzoni di protesta: Preghiera per un amico beat e Realtà n.1. Secondo singolo del complesso genovese capitanato dal tastierista-organista Mauro Boccardo, il suo lato B è “Realtà N.1”. Etichetta Meazzi, numero di catalogo: M 01307, pubblicato nel 1967, il testo italiano è di Mario-Emilio De Sanctis e Tato Queirolo, entrambi autori gestiti dalla SIAE per questo brano ma anche per il lato B. E’ una delle tante cover non dichiarate, pubblicata in un periodo in cui le notizie erano scarne e poco curate circa le informazione sui brani originali, nel disco vengono omessi difatti gli autori originali. Il brano originale era stato composto da Jimmy Wisner con testi di Billy Jackson, registrato per la prima volta dal gruppo vocale R&B statunitense, The Orlons, formatosi a Philadelphia (Pennsylvania) nel 1960 e ancora attivi da oltre 50 anni. Il gruppo era composto dalle sorelle Audrey e Shirley Brickley, Marlena Davis e il loro ex compagno di scuola Stephen Caldwell, tutti afro-americani. Il loro brano era il B side del singolo 45 giri “Bon-Doo-Wha” etichetta Cameo, numero di catalogo C-287, pubblicato nel 1963. Altra cover da ricordare, probabile modello per il complesso italiano, è quella del gruppo inglese The Searchers, un eccezionale successo da #1 nella classifica in UK. Disco;singolo 45 giri, Pye Records, numero di catalogo: 7N. 15630, pubblicato il 16 aprile del 1964.

Hello Goodbye (1968)

Bit-Nik

Hello Goodbye

Beatles

Uno degli ultimi singoli dei Bit-Nik si agganciava al successo “leggero” dei Beatles nel loro periodo floreale. Testo (di Mogol come al solito) per una volta totalmente fedele all’originale.

Ho difeso il mio amore (1968)

Bit-Nik

Nights In White Satin

Moody Blues

Sul retro del singolo con Hello Goodbye un’altra delle molte versioni italiane di questo successo dei Moody Blues del 1967, contenuto nell’album Days Of Future Passed. Testo italiano di Daniele Pace. Atre cover più conosciute pubblicate dai Nomadi e dai Profeti, sempre nel 1968, poi da Renato dei Profeti come solista nel 1970. La versione italiana interpretata da Dalida aveva curiosamente il testo e il titolo differente ”Un po’ d’amore” , però sempre scritto da Daniele Pace e sempre del 1968. L’originale era composto e scritto da Justin Hayward e aveva una durata eccezionale di 7min.e 41 sec, mentre nel singolo la durata è 4min. e 16sec. Inoltre, nella versione dei Bit-Nik, per intuibili motivi, manca l’accompagnamento con orchestra d’archi.

Dolce Delilah (1968)

Black Birds

Dear Delilah (1967)

Grapefruit

L’originale era l’unico relativo successo della band Grapefruit di George Alexander (Alexander Young) gestita per un certo periodo dal manager dei Beatles Brian Epstein. Da non confondere con la più celebre Delilah di Tom Jones. Gruppo australiano imparentato in qualche modo con gli Easybeats (ci suonavano due fratelli) hanno continuato la carriera fino al 1969.
Anche i Grapefruit hanno pubblicato il singolo con lo stesso titolo (per la RCA) ma con testo diverso, più vicino al loro originale.
Notizie sui Black Birds nelle note al testo.

Tu sei come me (1965) Blacks Hot Pastrami! (1963) Dartells I Blacks erano un gruppo di Milano molto esperto, che ha avuto la opportunità di pubblicare questo singolo per la EMI (vedi la scheda).
L’originale era un successo del 1963, un brano quasi solo strumentale, unico hit di questo gruppo californiano guidato da Doug Phillips. Hot Pastrami si riferisce a un condimento per barbecue. Il brano però era ripreso da un precedente motivo, Smashed Potatoes di Nat Kendricks. La interpretazione dei Blacks è migliore di quella originale, più lenta e in stile beat, molto più incisiva. Testo praticamente inesistente come nell’originale (tu sei come me / yeh / quel che dici fai / wooo yeh / sempre bene stai / yeh / tu sei come me / yeh / sempre bene stai / wooo yeh – fine).
Blu è blu (1963) Bobby Solo Blue On Blue (1962) Bobby Vinton Solo due cover straniere nel primo album di Bobby Solo del 1964. L’originale era un brano di Bacharach, parole italiane di Mogol.
Non chiedermi nulla (1964) Bobby Solo Old Shep (1936) Red Foley Traccia B/ 5 del primo album omonimo di Bobby Solo, che è anche l’autore del testo italiano (Ricordi – MRL 6040). L’originale era un pezzo country classico, scritto e composto dal cantautore statunitense Clyde Julian Foley, meglio noto con lo pseudonimo Red Foley e a lui si deve la prima registrazione su Singolo 78 giri Molotone – 6-03-53 del 1936. Era la triste storia della fine del suo vecchio cane che aveva sin da bambino (Shep era il nome del cane). Tra le numerosi versioni successive spicca quelle di Elvis Presley del 1956 evidente modello per Bobby Solo e per la sua interpretazione. Elvis aveva peraltro vinto a 10 anni, nel 1945, il concorso musicale “Fair and Dairy Show” in Alabama, proprio con questa canzone, portando a casa un premio di 5 dollari più un biglietto per la giostra del paese. La versione di Presley è stata pubblicata nella traccia B/2 del LP “Elvis”, RCA – LPM-1382.
Lascio fare a te (1965) Bobby Solo I’m Leaving It Up To You (1957) Don & Dewey E’ il lato B del singolo 45 giri “Quello sbagliato/Lascio fare a te”, etichetta Ricordi, numero di catalogo: SRL 10-383, pubblicato nel 1965, il testo italiano è di Mogol, è la cover di “I’m Leaving It Up To You”, composta da Dewey Terry (Dewey Steven Terry) e Don ”Sugarcane” Harris (Don Francis Bowman Harris). La prima registrazione di questo brano è stata ad opera degli stessi autori, col nome Don & Dewey, un duo rock’n roll afro-americano californiano, dai quali trassero ispirazione i “Righteous Brothers”, diverse loro composizioni furono portate al successo da altri famosi cantanti del periodo, compresi gli stessi Righteous Brothers. La loro canzone ebbe dei repentini passaggi in TV e in radio, ma con scarsi ricavi, segno di quei tempi, di come le case discografiche eludessero a volte i crediti verso i detentori del diritto d’autore, oppure addirittura sottopagandoli. Loro è il singolo 45 giri su etichetta Speciality, numero di catalogo: SP 610, pubblicato nel 1957. Nel 1963 questo brano venne ripreso dal duo Dale & Grace, che esordì proprio in occasione della registrazione, canzone che riuscirono a piazzare al primo posto della Billboard Hot 100 e mantenendola in classifica per due settimane. Singolo 45 giri, etichetta Montel, numero di catalogo: 921, pubblicato nel 1963.
La casa del Signore (1965) Bobby Solo Crying In The Chapel (1960) Elvis Presley La canzone era stata scritta da Artie Glenn per il figlio Darrell nel 1953. Fu presentata in giro nelle esibizioni delle varie high school da Artie’s Band & the Rhythm Riders, finché fu ascoltata da June Valli che la portò al successo alla fine del 1953. Fu poi incisa da un gruppo R&B, gli Orioles, che la fecero diventare una hit. Nel 1960 anche il grande Elvis Presley la incise nell’album ”His Hand in Mine”. Nel 1973 è inclusa nella colonna sonora del film American Graffiti nella interpretazione di Sonny Till and the Orioles. In italiano nel ’65 Bobby Solo la incide con testi di Migliacci.
Per far piangere un uomo (1966) Bobby Solo To Make a Big Man Cry Tom Jones Presentata al Cantagiro del 1966 con successo inferiore ai molti altri ottenuti da Bobby in quel periodo.
La vita è rosa (1966) Bobby Solo La vie en rose Edith Piaf Una serie di cover da canzoni celebri incise nel 1966 per il terzo album del cantante, “La Vie En Rose” registrato per la Ricordi, col numero di catalogo MRL 6051, pubblicato a maggio nel 1966.
Stanotte sì (1966) Bobby Solo Tonight (1957) Larry Kert e Carol Lawrence Lato B/4, testo italiano di Devilli (Alberto Curci). La canzone originale era di Leonard Bernstein su testo di Stephen Sondheim. Si tratta di una piece del famoso musical “West Side Story”, scritto da Jerome Robbins. La prima rappresentazione il 26 settembre 1957, al Winter Garden Theatre di Broadway(NYcity). L’ opera era basata come noto su “Romeo e Giulietta” di Shakespeare ma trasportata nella New York più popolare. Il brano originale era interpretateo nella prima rappresentazione dall’attore e cantante britannico Larry Kert (Frederick Lawrence Kert) nella parte di Tony e dalla sua collega, l’attrice e cantante statunitense Carol Lawrence nella parte di Maria. Disco originale LP 33 giri “West Side Story – Original Broadway Cast”, etichetta Columbia Masterworks, numero di catalogo: OS 2001, pubblicato nel 1957.
Polvere di stelle (1966) Bobby Solo Stardust (1931) Louis Armstrong and His Orchestra (1931) La prima versione italiana, sempre col titolo “Polvere di stelle”, risale al 1940, registrata su 78 giri Odeon – GO 20154 ad opera della cantante Carla Bolongaro, meglio nota con lo pseudonimo di Carla Stella. Questa versione di Bobby Solo era contenuta nel lato B/5 del LP precedente con testo italiano di Devilli (Alberto Curci). Questo famoso brano nasce col titolo “Star Dust”, una composizione strumentale del 1927 del compositore, cantante, pianista e attore statunitense Hoagy Carmichael (Hoagland Howard Carmichael) e due anni dopo venne corredato di un testo in lingua inglese da parte del paroliere lituano, ma statunitense d’adozione Mitchell Parish (Michael Hyman Peretz). La prima versione cantata risulta quella di Louis Armstrong and his orchestra, risalente al 1931. Si contano circa 330 versioni, sia strumentali che cantate.
Moon River (1966) Bobby Solo Moon River (1961) Johnny Mercer / Henry Mancini Lato B/6 del LP citato sopra, testo italiano di Mogol e Nico Fidenco. L’originale era stata coscritta da Johnny Mercer e Henry Mancini per la colonna sonora del film statunitense “Breakfast at Tiffany’s”, (Colazione da Tiffany) del 1961, diretto da Blake Edwards e interpretato da Audrey Hepburn e George Peppard. La canzone venne eseguita nel film dalla stessa protagonista, accompagnandosi col la chitarra. Henry Man…


https://m.musicaememoria.com/index.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...